Benetton Treviso Guinness PRO14 Italia

Alfredo GavazzI shock: "Credo che Francesco Minto non possa più giocare a rugby"

Scritto da Manuel Zobbio

«Credo che Francesco Minto non possa più giocare a rugby. Non è una questione di assicurazione, ma morale. Anche se trova un medico che gli dà il via libera, finché sarò presidente non mi prenderò questa responsabilità». Parole dure, pronunciate dal presidente della Fir, Alfredo Gavazzi, alla Gazzetta dello Sport. Le parole di Gavazzi – prosegue l’articolo della Rosa -, non aggiungono nulla a quello che Minto già sa. Sono sale su una ferita. L’atleta non replica, ma vuole giocare ancora. A inizio stagione ha ottenuto l’idoneità per il rugby professionistico, confermata non più tardi di due settimane fa da specialisti della colonna cervicale. Fino a un mese fa lo si mandava in campo («Con incoscienza, anche se in buona fede» dice Gavazzi). Nelle scorse settimane lo staff azzurro ha segnalato che ha le stesse possibilità di farsi male degli altri. Difficilmente si arrenderà, forse sarà visto da una commissione medica”.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

2 Commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi