Inghilterra

Clamoroso: London Welsh sull’orlo del baratro. E i dirigenti…

Scritto da Andrea Nalio

I London Welsh sono falliti. La notizia è stata confermata ieri sera dal The Telegraph che ha sottolineato come i dirigenti del club, comunicando la situazione ai giocatori (a meno di tre settimane dal Natale), abbiano consigliato loro di cercarsi una nuova sistemazione. Il club di Championship, fondato nel 1871 e che nell’arco della storia ha ‘regalato’ 7 giocatori ai Lions, si trova davanti a una situazione molto complicata. ‘London Welsh è uno dei club più importanti del Mondo – ha detto il boss del club Gareth Hawkins -. Sarebbe grave che il mondo rugbistico perdesse questa realtà’. Un’opzione per mantenere in vita il nome della società potrebbe essere quella della liquidazione, anche se costringerebbe il club a ripartire dal fondo delle leghe anglosassoni. Responsabili di tale situazione, secondo quanto riportano i media inglesi, sarebbero comunque gli stessi dirigenti che, nei mesi scorsi, pare abbiano dato false speranze ipotizzando l’arrivo di un grosso gruppo di investitori dagli Stati Uniti (California). Prospettiva svanita solo poche settimane dopo. I 35 giocatori del club non hanno inoltre percepito l’ultimo mese di stipendio e, come riferisce il The Telegraph, ora sono loro a pagare l’ingiusto prezzo di questa triste situazione. (foto sito London Welsh)

Biografia

Andrea Nalio

Polesano, giornalista pubblicista dal 2008, lavora come free lance a Londra e rappresenta l'anima operativa di RugbyMercato.it. Nel recente passato ha collaborato con i quotidiani Il Resto del Carlino e La Voce di Rovigo e condotto la trasmissione "Linea di Meta" per Radio Kolbe.
Ha pubblicato anche un libro: «Pepenadores. Insieme ai cacciatori di rifiuti»: Reportage sulla dignità dei riciclatori informali della discarica di Oaxaca (Messico).

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi