Health&Fitness

Concussion e primo intervento in campo: parola al ‘neozelandese’ Giuseppe Diana

Scritto da Andrea Nalio

Giuseppe Diana è un professionista prezioso nel panorama rugbistico italiano. Strength and Conditioning Coach, con un background specifico messo a disposizione di un tema delicato come la Concussion e il primo intervento in campo.

Responsabile della preparazione della Rugby Rovigo nelle ultime due stagioni, il ragazzo romano alle due lauree in Scienze Infermieristiche e Scienze Motorie vanta anche specializzazioni in tema di primo intervento e area critica; aggiornamenti che Diana ha vissuto in Nuova Zelanda, terra che già in passato ne ha riconosciuto le capacità (leggi qui l’intervista che Giuseppe aveva concesso a Rugbymercato in merito al suo cammino professionale).

E proprio nella Terra della Grande Nuvola Bianca Giuseppe ha terminato da poche settimane un corso di aggiornamento dedicato agli operatori sideline (componenti degli staff medici e tecnici) organizzato dalla federazione neozelandese.

‘In Nuova Zelanda prendono molto sul serio il problema della concussion e insistono sulle competenze  che dovrebbero avere gli operatori sideline in caso di infortunio grave, in collaborazione con il medico’.

Diana, che da anni sottolinea l’importanza di avere anche in Italia una figura specialistica in tema di concussion e del primo intervento in ambito sportivo, ci ha inviato un documento a riguardo che pubblichiamo in seguito.

E’ sotto gli occhi di tutti come negli ultimi anni siano in aumento esponenziale i casi di Concussion nel Rugby.

Reputo che sia fondamentale la discussione su questo argomento soprattutto per quello che riguarda la prevenzione, il trattamento immediato, il post trauma fino al ritorno in campo dell’atleta.

Prevenzione: effettuare uno screening completo del giocatore (nuovo acquisto o giocatore già in rosa) prima dell’inizio del pre-campionato con valutazione dei parametri vitali Ecg, esami ematochimici, eventuali test diagnostici strumentali (RM-RX) per rilevare condizioni patologiche preesistenti.

Gestione e Miglioramento: durante la stagione regolare effettuare regolari esami ematochimici su valori specifici (stress ossidativo-acido lattico, acido urico ematocrito per valutare le condizioni fisiologiche reali e per gestire, migliorare la performance e ridurre il rischio di infortunio.

Gestione Concussion nell’immediato (Glasgow coma scale, Scat 3, Golden minutes-test; valutazione post concussion per il ritorno in campo).

Wound Care nel primo intervento attraverso la gestione delle ferite o altri infortuni con il protocollo R.I.C.E..

Procedure BLS-D o RCP in caso di arresto cardiaco in campo durante gli allenamenti.

Rieducazione post-traumatica o post intervento chirurgico in seguito a infortuni in campo sportivo.

In ambito internazionale sembra essersi integrata stabilmente nello staff medico-riabilitativo-sportivo multidisciplinare la figura dell’Infermiere di Medicina Sportiva altamente specializzata e competente in quanto trasversale a tutti gli ambiti in cui risiedono le priorità relative alla prevenzione, gestione e trattamento di situazioni di emergenza (concussion-arresto cardiaco).

In Italia invece è esclusa al momento questa figura che, a mio parere, potrebbe lavorare in stretta collaborazione con il Team Medico Multidisciplinare.

A mio avviso sarebbe inoltre opportuno dare più importanza e spazio alla Medicina Sportiva fondamentale per la prevenzione e la salvaguardia del benessere e della salute del giocatore.

In base alla mia esperienza sul campo, all’estero e in Italia, ritengo fondamentale questi aspetti di Medicina Sportiva in quanto indispensabili per la salvaguardia e il benessere del giocatore’.

Dott.Giuseppe Diana

Head Strength and Conditioning Coach

(foto profilo Facebook Giuseppe Diana)

Biografia

Andrea Nalio

Polesano, giornalista dal 2008, lavora come free lance a Londra e rappresenta l'anima operativa di RugbyMercato.it. Nel recente passato ha collaborato con i quotidiani Il Resto del Carlino e La Voce di Rovigo e condotto la trasmissione "Linea di Meta" per Radio Kolbe.
Ha pubblicato anche un libro: «Pepenadores. Insieme ai cacciatori di rifiuti»: Reportage sulla dignità dei riciclatori informali della discarica di Oaxaca (Messico).

1 Commento

  • Penso che la maggior parte del personale sanitario/parasanitario che sta in campo non è autorizzato secondo le leggi federali!
    I colletti bianchi ricordano che i medici devono esser medici federali autorizzati al ppsd?
    I colletti bianchi ricordano che imbarazzo personale in campo sarebbero meglio istruito sul ppsd? Onore a Giuseppe Diana!!!
    Il personale degli staff dei club andrebbe scelto non su base commerciale ma su base selettiva professionale clinica!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi