Rugby Internazionale

‘E’ uno dei bambini più forti del mondo’. L’esultanza di Owen Farrell in onore del piccolo Jack

Scritto da Andrea Nalio

I due indici uniti a ogni punto segnato. Il pensiero rivolto a un amico in difficoltà. Un omaggio alla loro amicizia. La speranza di trovare una cura alla peggiore delle malattia muscolari. Owen Farrell ha riproposto anche in questa finestra di test match internazionali la sua tipica esultanza seguita ai punti segnati con la maglia della Rosa.

L’apertura dei Saracens, diventato leader di un gruppo che ora punta deciso alla coppa del Mondo in Giappone, anche durante i match giocati contro Sud Africa, Nuova Zelanda, Giappone e Australia ha esultato in onore del piccolo Jack Johnson.

Il numero dieci dell’Inghilterra infatti è rimasto colpito dalla storia del bambino di Wigan, figlio di un caro amico ed ex compagno di squadra del padre e affetto dalla terribile distrofia muscolare di Duchenne. Una patologia caratterizzata da una degenerazione progressiva dei muscoli che si manifesta nella prima infanzia e che non conosce cura.

Farrell, che parla di Jack come ‘uno dei bambini più forti del mondo’  è diventato ambasciatore della Charity Joining Jack – ecco il perché dei due indici uniti a riprodurre due J – creata dalla famiglia del piccolo sostenitore ovale con l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca.

‘Siamo tanto riconoscenti a Owen per il suo supporto – così la famiglia Johnson -. E’ un ambasciatore fantastico e ci porta sempre nel cuore’.

Come Farrell, anche l’ex compagno di Nazionale Ben Burgess e l’ex ciclista Bradley Wiggins sostengono la campagna di ricerca lanciata dalla famiglia. Una battaglia dura vissuta nel nome del rugby e dell’amicizia tra questi due ragazzi.

 

Biografia

Andrea Nalio

Polesano, giornalista dal 2008, lavora come free lance a Londra e rappresenta l'anima operativa di RugbyMercato.it. Nel recente passato ha collaborato con i quotidiani Il Resto del Carlino e La Voce di Rovigo e condotto la trasmissione "Linea di Meta" per Radio Kolbe.
Ha pubblicato anche un libro: «Pepenadores. Insieme ai cacciatori di rifiuti»: Reportage sulla dignità dei riciclatori informali della discarica di Oaxaca (Messico).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi