Guinness PRO12 Zebre

GLI AIRONI FESTEGGIANO IL PRIMO COMPLEANNO

Esattamente un anno fa, la mattina del 17 maggio 2010, i rappresentanti delle sei società che compongono gli Aironi ponevano le loro firme in calce all’atto costitutivo della franchigia prima di presentare ufficialmente il nuovo club nella sala del Consiglio Comunale di Parma.
Oggi la dirigenza degli Aironi si è ritrovata per festeggiare il primo compleanno del club e per continuare a lavorare per il futuro. Presenti il presidente Silvano Melegari, il vice Stefano Cantoni, il direttore sportivo Franco Tonni, i consiglieri Cosetta Falavigna, Maurizio Re, Riccardo Melegari, Maurizio Paterno e Mario Padovani.
Tocca al presidente Silvano Melegari tracciare un bilancio della prima annata fuori e dentro il campo e guardare già alla prossima stagione.
“Vorrei partire dai risultati ottenuti fuori dal campo perché sono quelli che ci hanno fortemente contraddistinto, sia in Italia che soprattutto all’estero. Lo stesso board della Celtic ci ha riconosciuto di aver creato una grossa opportunità dal punto di vista dell’immagine del torneo, un grosso coinvolgimento di pubblico, e questo è significativo perché il nostro pubblico è estremamente variegato, con uno zoccolo duro dalle province di Parma e Mantova ma anche con tanti tifosi che ogni settimana arrivano a Viadana dalle altre province lombarde ed emiliane e non solo. E questo è importantissimo perché uno degli obiettivi era proprio quello di dare visibilità al nostro club e al rugby in generale”.
“Sulla parte agonistica non siamo riusciti ad evitare l’ultimo posto, ma questo ci porta a riflettere sul fatto che siamo partiti molto ritardo rispetto ad esempio a Treviso e quindi questo ci ha creato delle oggettive difficoltà in fase di mercato, con giocatori stranieri presi a mercato quasi chiuso e con un gruppo che ha impiegato del tempo per amalgamarsi. I risultati di questo processo si sono però visti negli ultimi mesi di stagione. Va riconosciuto, ahimè, che non siamo riusciti a vincere almeno uno dei due derby. Però oltre alla vittoria con Connacht abbiamo conquistato 8 punti di bonus, che significa essere stati sconfitti in altrettante partite con meno di 7 punti di scarto. E’ una magra consolazione, ma c’è la certezza di aver consolidato un gruppo che potrà dare soddisfazioni per l’anno prossimo”.
Le presenze dei tifosi allo stadio sono la dimostrazione del buon lavoro svolto e della fame di rugby di alto livello che il pubblico italiano dimostra di avere.
“Quello del pubblico è un aspetto significativo. Avere 3500 spettatori e oltre di media significa aver più che raddoppiato quella che era la media di Viadana nel campionato italiano. Abbiamo tifosi che vengono da tutta Italia, attirati anche dal prestigio delle avversarie sia in Magners League che in Heineken Cup. Le presenze allo stadio hanno avuto ovviamente una forte impennata iniziale, dovuta anche alla novità del campionato, sono scese nel periodo climaticamente più brutto per poi tornare a salire oltre le 4000 unità nelle ultime gare della stagione quando, va detto, abbiamo anche incontrato alcune delle formazioni più forti come Leinster e Ospreys, che in campo avevano i loro campioni che fanno parte della nazionale irlandese e gallese. Anche questo ha sicuramente attratto i tifosi”.
Nel corso dell’anno la franchigia ha poi allargato la sua base coinvolgendo realtà dalla Puglia alla Sardegna, dal Piemonte all’alta Lombardia grazie alla formula dei club fiancheggiatori.
“Abbiamo adottato questo nuovo sistema dei club fiancheggiatori, a metà strada tra gli affiliati e i soci. L’obiettivo è molto semplice: aggregare il maggior numero di club che possono essere domani anche un bacino d’utenza per i giocatori e i tifosi, ma soprattutto è anche una base di sostegno per la nostra franchigia. Ci poniamo come obiettivo di essere la franchigia di riferimento per il Nord-Ovest, ma abbiamo allargato i nostri orizzonti non restando solo in Lombardia e Piemonte ma arrivando anche in Puglia e Sardegna. C’è una grande fame di rugby di alto livello, noi riteniamo di poterlo proporre tutti i week-end per un’intera stagione”.
Ora l’obiettivo si sposta già sulla prossima stagione.
“L’obiettivo per il secondo anno è consolidare il processo di crescita compiuto negli ultimi tre mesi di questa prima stagione. La squadra è ormai completa. Innesteremo solamente degli stranieri di alto valore e applicheremo poi le regole della Federazione. Confermo poi l’interesse per Orquera, per cui è quasi concluso il contratto, mentre stiamo lavorando per tesserare anche Andrea Masi. Altri rientri importanti del gruppo azzurro non sono al momento all’orizzonte”.
Prima di spegnere la candelina sulla torta di compleanno degli Aironi, il presidente Melegari esprime il proprio desiderio.
“Il desiderio prima di spegnere la prima candelina è quello di portare Rokocoko agli Aironi”.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi