Finanza

L’acquisto di un’auto è un investimento?

Scritto da Marco Martello

L’acquisto di un’auto è un investimento?
No e tutti a casa.

Scherzi a parte, proviamo un po’ a sviscerare l’argomento e capire perchè tanti lo pensano invece.
Portandoci nell’ambito sportivo esiste una correlazione direttamente proporzionale che porta l’atleta ad investire i primi guadagni di una certa rilevanza in un’automobile.
Succede in tutte le discipline, dal calcio in giù, e il rugby non fa certo eccezione.

I dati dicono che l‘acquisto dell’automobile viene considerato, in genere, il secondo investimento più importante, dopo la casa, ma tale definizione ha un difetto di base. E cioè che nel momento in cui diventi possessore di un automobile, hai tra le tue mani un generatore di spese, non certo un investimento!
Un discorso di investimento potrebbe riguardare l’acquisto di auto d’epoca, ma andiamo, sappiamo che non stiamo parlando di questo.

Perchè succede questo? Il volumetto di psicologia da supermercato potrebbe indicarci una serie di ragioni:

  • voglia di indipendenza
  • libertà di muoversi in una città spesso diversa dalla propria
  • fare il figo con le ragazze (dagli anni ’50 in poi questa è una motivazione basilare) e collegata a ciò arriva il quarto (dolente) punto e cioè
  • non puoi fare il figo con una macchina da 4 soldi, occorre la macchina status symbol (ed è la fine)

Il quarto punto potrebbe essere letale se non ti chiami Mario Balotelli o Cristiano Ronaldo, perchè potrebbe illudere il nostro giovane rugbista che quei soldi (lordi) che si trova sul conto mensilmente siano un sacco di soldi, facendo così scattare la sindrome del calciatore mancato (in termini di stipendio).
Se abbiamo ben chiaro che il rugbista più pagato al mondo, Dan Carter, guadagna di stipendio 1.4 mln eur, è evidente che la Ferrari deve restare quella in scala della Bburago (al limite).

Avere un’automobile, oltre al costo di acquisto, comporta una serie di spesi ricorrenti di cui bisogna tenere conto: immatricolazione, bollo, assicurazione, deprezzamento valore, manutenzione ordinaria e straordinaria, sostituzione pneumatici (estivi/invernali), parcheggio: strisce blu e/o  box auto, carburante, multe (prima o poi una capita…).
Escludendo i punti 3 e 4 della lista di cui sopra, alternative razionali all’acquisto di un’auto, ovvio a seconda di dove uno viva, ce ne possono essere, dal car sharing al trasporto pubblico, utilizzo di taxi o altri sistemi (Uber o Auting per esempio), noleggio spot fino al noleggio lungo termine.
Quest’ultima forma non comporta un vero e proprio risparmio, in termini complessivi, ma può presentare una serie di vantaggi: nessuna, o bassa, spesa iniziale, certezza sulle spese, assicurazione e manutenzione comprese nel canone mensile, vendita dell’usato a carico dell’azienda di noleggio.

Se nonostante tutto pensi ancora che acquistare un’auto sia per te importante, allora ti dò giusto una regola che, per la salute delle tue tasche, può tornarti molto utile:

«E’ importante, anzi fondamenta, che il valore della tua automobile sia inferiore alla metà del tuo reddito annuo».

Se hai speso o pensi di spendere di più, stai prendendo un rischio e potresti trovarti costretto a interrompere il finanziamento o a dover vendere la macchina. E comunque, con questa regolina, si possono trovare anche auto interessanti, stando attenti a non farsi prendere dalla frenesia e dall’innamoramento estemporaneo.

Qui sotto un paio di link interessanti sull’argomento.

Abbiamo scherzato, trattando l’argomento con leggerezza, ma occhio ragazzi che i soldi avranno un valore nella vostra vita, e in questo momento sono legati esclusivamente alla vostra carriera sportiva. Quindi non occorre essere avari e fare dei soldi un idolo, ma è giusto averne rispetto, e anche le scelte di acquisto, per l’automobile o per altro, rispecchiano il proprio atteggiamento verso la vita.

Fatta questa doverosa premessa, mano a mano nei prossimi contributi entreremo in campi un po’ più tecnici, parlando di investimenti e previdenza, e mi farebbe piacere andare a toccare argomenti anche dietro vostri suggerimenti. Potete scrivere a  marco.martello@azimut.it per qualsiasi domanda o argomento di vostro interesse.

Marco

Biografia

Marco Martello

Mandatario FIR dal 2003, iscritto all’Albo Fir al n. 23/03.
Fondatore di PiazzaRugby e punto di riferimento di Digidust Sport in Italia. Laurea in Economia e Commercio. Nel 1999 ha conseguito un Master in Management delle Organizzazioni Sportive presso l’Università di San Marino, aggiudicandosi il riconoscimento di “miglior lavoro di ricerca economica”.
Financial Advisor presso Azimut Capital Management, da oltre 20 anni lavora nel campo della consulenza finanziaria di alto profilo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi