Nuova Zelanda Rugby Internazionale

L'Italia, il Mogliano e il rugby negli Stati Uniti: la storia di Luis Stanfill, il giocatore di football troppo lento

Scritto da Manuel Zobbio

Un ragazzo americano, all’apparenza come tanti. Un’infanzia trascorsa a Sacramento tra i campi di basket e baseball, calcio e pallavolo, con il football americano conosciuto a scuola e che sembrava ormai essere diventato la sua nuova realtà. “Ero un buon giocatore – ricorda -, aggressivo e intelligente, anche se non molto veloce”. La linea di difesa, casa sua. E per la scuola, la Jesuit High School riuscì anche a conquistare il San Joaquin Section Championship. Oggi Luis Stanfill ha 29 anni e questa sera partirà dalla panchina nel match di Chicago tra gli Usa e gli All Blacks. Uno sport, il rugby, che Luis ha conosciuto a 14 anni e dal quale non si è mai più allontanato. “Nonostante fossi molto aggressivo nel campo da football, non ero particolarmente veloce e questo era un problema in uno sport dove la velocità è fondamentale”. Così, conosciuto un altro ovale, Luis decise di tentare la nuova carriera. “Adoro il rugby, credo sia un ottimo compromesso tra velocità, forza, potenza, tecnica e intelligenza, tutte qualità presenti anche nel football”. Quindi, cominciata la carriera negli Stati Uniti, e dopo un anno in Australia nei Canberra Royals, ecco la chiamata del Mogliano di Umberto Casellato. “Il rugby italiano è molto duro e ci sono ottimi giocatori. Da voi ho notato la volontà di sviluppare e far crescere il nostro sport”. In Italia Stanfill giocherà anche nel Vicenza, in Serie A, prima del ritorno in patria, spinto da una ragione precisa. “Quando tornerò a casa – raccontava al tempo – non giocherò nuovamente a football, ma lavorerò nel mondo del rugby, uno sport che mi ha dato tanto e al quale devo rendere qualcosa”. Nel mentre, Stanfill ha avuto l’onore di giocare anche un Mondiale in Nuova Zelanda, dove ha affrontato proprio l’Italia. “Ricordo che capivo cosa si dicevano in campo…e questo a loro non piaceva particolarmente…”. Oggi Luis lavora per la Serevi, una compagnia statunitense ideata dall’ex stella figiana Waisale Serevi che si occupa di sviluppare e diffondere il rugby nel nord America. E questa sera, a Chicago, affronterà gli All Blacks, un match storico per il rugby a stelle e strisce e un movimento che, nel suo piccolo, anche Luis ha contribuito a rendere grande.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi