Italia Rugby Internazionale

L'Italia torna a Nelson

La Nazionale Italiana Rugby è rientrata oggi a Nelson, quartier generale azzurro per la Rugby World Cup 2011 nell’isola sud della Nuova Zelanda, all’indomani della sconfitta subita contro l’Australia ieri al North Harbour Stadium di Auckland nel match inaugurale della Pool C.

Nessun impegno sul campo o in palestra ma riposo e relax per gli Azzurri, che hanno festeggiato il ventottesimo compleanno di capitan Sergio Parisse ed in serata hanno cominciato ad analizzare il match perso contro i Wallabies ed a preparare così la seconda partita del Mondiale in programma martedì 20 settembre al Trafalgar Park di Nelson contro la Russia

Ad incontrare la stampa, oggi al ritorno a Nelson, sono stati il seconda linea Carlo Del Fava ed il giovane mediano d’apertura Riccardo Bocchino, entrato nei minuti finali in sostituzione di Orquera: “Fisicamente la gara contro i Wallabies è stata molto impegnativa, abbiamo difeso molto e siamo consapevoli di aver giocato buona parte del match ad alto livello, pagando a caro prezzo dieci minuti difficili” ha detto l’apertura viterbese dei Cavalieri Prato.

“Nella fase centrale del secondo tempo il loro ritmo in attacco ci ha messo in difficoltà, purtroppo contro squadre come l’Australia ogni errore lo si paga a caro prezzo. La mischia – ha proseguito Bocchino – si è confermata il nostro punto forte, noi trequarti sappiamo dio poter contare sempre sulla grande prestazione del nostro pack. Al di là della sconfitta volevamo prendere fiducia dalla prima partita e questo è avvenuto: è un buon punto di partenza”.

“Nel finale di gara gli avanti avrebbero meritato di segnare, peccato perché sarebbe stata una bella soddisfazione: non è mai facile o scontato mandare indietro una mischia dell’Emisfero Sud. Adesso iniziamo a pensare alla Russia, una gara per volta: è una partita dove possiamo fare bene e da domani lavoreremo per riuscirci” ha concluso il giovane numero dieci.

“Il primo tempo contro l’Australia è andato molto bene sia a livello tattico che fisico, abbiamo fatto quaranta grandi minuti contro un avversario fortissimo, reduce dalla vittoria nel Tri-Nations” ha dichiarato Carlo Del Fava “mentre purtroppo nella ripresa abbiamo pagato qualche scelta tattica sbagliata da parte nostra. Sicuramente il calo è stato tattico e non fisico, ma dobbiamo prendere quanto di positivo abbiamo fatto vedere in ogni area di gioco e penso che in particolare le touche ieri abbiamo mostrato grandi progressi” ha detto il giocatore degli Aironi.

“Contro la Russia (martedì 20 settembre a Nelson) non sarà una gara facile: è il loro primo Mondiale e vorranno far vedere di essere una squadra di qualità, andranno oltre il loro livello abituale di gioco e noi dovremo essere abili a mettere loro pressione e marcare più punti possibile” ha detto Del Fava.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi