Italia

Lorenzo Bocchini (ex Viadana, L’Aquila e Rovigo) arrestato per produzione e spaccio di droga

Scritto da Andrea Nalio

L’ex giocatore di L’Aquila, Rovigo e Viadana, Lorenzo Bocchini è stato incarcerato oggi a Londra con l’accusa di produzione e spaccio di metanfetamine. La notizia, rimbalzata oggi in tutti i notiziari oltre Manica ha fatto molto scalpore considerate le analogie che la storia ha con la serie televisiva statunitense Breaking Bad. L’ex pilone italosudafricano infatti aveva organizzato insieme al fratello Alessandro un vero e proprio sistema di produzione e spaccio di droga nell’area londinese, ‘facilitato’ dalla copertura di un Uber che si occupava dello spaccio. ‘La famiglia Bocchini – così il detective Matt Clark – stava guadagnando molto denaro vendendo droghe potenti e pericolose. Crediamo che l’utilizzo di tali sostanze sia legato a molti decessi, stupri e abusi’. La polizia, perquisendo il ‘laboratrio’ della famiglia Bocchini – che cucinava il tutto in una cucina – ha trovato 300.000 Sterline in droga e 33.000 Sterline in cash. Coinvolta in questa faccenda anche la moglie del fratello Alessandro, Justine, condannata a quattro anni di reclusione (sei ad Alessandro). Lorenzo Bocchini ha giocato in Italia dal 2000 al 2010, vestendo le maglie di Rovigo, L’Aquila e Viadana. Ai tempi abruzzesi il giocatore fu vittima di un caso che favorì proprio il Rovigo nella lotta per non retrocedere; L’Aquila infatti, a causa di un errore in distinta, fu penalizzata in classifica favorendo di fatto la corsa salvezza (poi ottenuta) del Rovigo. (foto Evening Standard)

Biografia

Andrea Nalio

Polesano, giornalista pubblicista dal 2008, lavora come free lance a Londra e rappresenta l'anima operativa di RugbyMercato.it. Nel recente passato ha collaborato con i quotidiani Il Resto del Carlino e La Voce di Rovigo e condotto la trasmissione "Linea di Meta" per Radio Kolbe.
Ha pubblicato anche un libro: «Pepenadores. Insieme ai cacciatori di rifiuti»: Reportage sulla dignità dei riciclatori informali della discarica di Oaxaca (Messico).

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi