Italia Serie B

Remonato sogna Bassano in Serie A

Scritto da Manuel Zobbio

Alessandro Remonato

Chiamato a sostituire Mazzantini sulla panchina del Bassano, il nuovo tecnico Alessandro Remonato ha tracciato le linee guia per la stagione. Intervistato da Michele Zarpellon dell’edizione vicentina de Il Gazzettino: «Sono qui perché voglio far fare alla società un bel salto di qualità» ha spiegato Remonato. «Ho accettato con grande soddisfazione questa proposta – ha confermato il tecnico psicologo – perché conosco molto bene l’ambiente e perché credo di aver accumulato una certa dose di esperienza per riuscire a trasmettere entusiasmo, passione e grande professionalità».

Dopo cinque stagioni da direttore tecnico a Feltre, quattro stagioni da allenatore e coordinatore nel settore giovanile nel Parma, una stagione a Trento e un’altra alla guida della Under 16 di Bassano, coadiuvato da Bizzarri e da Zanollo, un giocatore della prima squadra, e la serie A femminile al rugby Valsugana, Remonato rappresenta dunque il nuovo corso della società, che ha cambiato presidente (è stato eletto Antonio Filippucci) e punta ancor di più sulla valorizzazione delle risorse locali. Dove arriverà questo Bassano? «Più che portarlo da qualche parto il mio intento è di avviare un cambiamento di mentalità, uno scarto culturale, perché è assolutamente necessario che questa società faccia un bel passo in avanti. Mi piacerebbe infatti che certe occasioni diventassero delle abitudini, delle buone prassi».

«Vi faccio un esempio, in luglio circa venticinque senior si sono allenati per due volte alla settimana (e una quindicina anche in palestra), nonostante chi gioca qui viene volontariamente e non per guadagnare. Ecco, sarebbe quello che questo atteggiamento non fosse una eccezione ma qualche di normale. E affinché avvenga questo cambiamento serve una maturazione culturale che tutta la società deve fare. È un bel gruppo, forse siamo un pò carenti in un paio di ruoli ma sono soddisfatto dei ragazzi e di come si sta comportando la squadra».

Niente anno di transizione per il tecnico comunque: «È quello che voglio evitare. Il Bassano è sempre stato una squadra di punta in serie C e una squadra che deve salvarsi in serie B. Non vorrei sembrare vanaglorioso ma io voglio un Bassano da serie A. Poi è chiaro che bisogna fare i conti anche con gli avversari ma mi auguro vivamente che quest’anno navigheremo almeno a metà classifica, senza i soliti patemi di arrivare all’ultima giornata con il fiato corto e con il rischio retrocessione… Tanto è stato fatto da chi mi ha preceduto, ora intendo creare una struttura ancor più organizzata, con una formazione a tutto tondo che va dal settore giovanile fino ai più grandi. La crescita non dovrà essere solo tecnica, ma grazie alla collaborazione del preparatore tecnico e del fisioterapista, stiamo mettendo a punto un percorso che vuole far crescere l’atleta nella sua interezza».

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi