Guinness PRO12 Zebre

Solo un punto per gli Aironi contro l'Ulster

Un anno dopo, l’Ulster beffa ancora gli Aironi. Nel secondo turno di RaboDirect Pro12 la franchigia italiana si deve accontentare del punto di bonus difensivo (sconfitta con meno di sette punti) al termine di una gara in cui avrebbe invece meritato qualcosa di più. L’anno scorso finì 15-22 per i nordirlandesi, quest’anno 19-25 con l’episodio decisivo al 15’ della ripresa, quando gli Aironi erano in vantaggio 16-15 dopo aver rimontato dal 3-15 (mete di Whitten e Tuohy) grazie alla meta di Williams e al piede di Olivier, ma anche per merito di una touche consistente e di una mischia chiusa cresciuta minuto dopo minuto. La meta di Gilroy, propiziata da un evidente blocco irregolare di Spence ai danni di Pizarro ma nata da un pallone perso dagli Aironi nei 22 offensivi, ha rotto l’equilibrio. La trasformazione di Humphreys è stata giudicata fuori dai segnalinee ma Hennessy ha dato comunque altri due punti agli irlandesi. Da quel momento gli Aironi non hanno più ritrovato il ritmo di prima, mentre Humphreys ha allungato il divario con un piazzato da metà campo. Nel finale il calcio di Olivier ha riportato gli Aironi sotto il break, ma la franchigia non è riuscita a sfruttare la superiorità numerica (giallo a Cronin) negli ultimi minuti per trovare la vittoria.

PRIMO TEMPO
Giusto il tempo di iniziare e sul calcio d’avvio i giocatori dell’Ulster vengono puniti per un’ostruzione difensiva. Da posizione centrale a circa 30 metri dai plai, Olivier manda però a lato il calcio. Peraltro imitato da posizione analoga al 5’ da Humphreys su un pallone tenuto a terra dai giocatori degli Aironi. Ulster manovra bene e riesce ad imbastire azioni multifase che gli Aironi però contengono. All’11’ sono invece i nero argento a costruire una buona occasione da una touche vinta da Biagi; l’off load di Williams per Pizarro è però in avanti e il centro degli Aironi ormai involato verso la meta è costretto a fermarsi. La partita si sblocca al 17’. Pizarro prova un calcetto a seguire ma non riesce ad arrivare sul pallone perché bloccato da Spence; gli irlandesi recuperano il possesso e contrattaccano, macinano metri e poi alla fine trovano la superiorità nuemrica al largo con Whitten che va a marcare alla bandierina. Humphryes sbaglia la trasformazione: 0-5 per Ulster. Cinque minuti più tardi gli Aironi accorciano le distanze grazie al piazzato di Olivier dopo un fallo in ruck della difesa irlandese. Sul nuovo calcio d’avvio, però, Ulster recupera palla poco fuori dai 22 e ancora una volta riesce ad impegnare i difensori degli Aironi e a trovare superiorità numerica al largo per la seconda meta, questa volta di Tuohy. Humphreys non sbaglia e si va sul 3-12 al 24’. La reazione degli Aironi non tarda comunque ad arrivare. Nasce tutto da una penetrazione prima di Pizarro e poi di Quartaroli conclusa da un calcetto di Tebaldi che costringe Ulster nei propri 22. Lì gli Aironi recuperano l’ovale e da una mischia ai 5 metri costruiscono la meta con Williams che sfonda dopo il primo avanzamento di Olivier. Lo stesso sudafricano trasforma per il 10-12 al 31’. La possibilità del sorpasso nasce ancora da una touche vinta, seppur a fatica. Tebaldi avanza di sua iniziativa, poi sono Olivier e Pizarro a portare gli Aironi all’altezza dei 22. Il centro prova un calcetto a seguire che non riesce, ma sul recupero di Trevisan la difesa dell’Ulster viene colta in fallo. Da posizione defilata Olivier centra i pali e ribalta il risultato: 13-12 al 36’. L’ultimo pallone al 40’ è però dell’Ulster, perché Hennessy punisce il fuorigioco di Sole e da metà campo da posizione defilata a sinistra Humphreys centra i pali e manda i suoi al riposo in vantaggio 13-15.

SECONDO TEMPO
Dopo il riposo le squadre tornano in campo con gli stessi effettivi. Al 6’ la mischia ordinata degli Aironi, cresciuta alla grande durante il primo tempo, prima ruba il possesso e poi si guadagna una punizione da circa 40 metri che Olivier trasforma nuovamente facendo tornare avanti i nero argento 16-15. Vantaggio che dura però fino al quarto d’ora. Ulster ruba una touche agli Aironi sui 22 offensivi e guadagna una punizione. Paul Marshall batte velocemente a sin invola fin dentro i 22 offensivi; da lì Ulster fa partire un’azione non limpida (compreso il blocco palese non rilevato né dall’arbitro Hennessy che dall’assistente Falzone di Spence ai danni di Pizarro) che si conclude con la meta di Gilroy. La trasformazione di Humphreys viene segnalata fuori dagli assistenti ma l’arbitro fa cambiare loro idea e aggiunge altri due punti: 16-22. Al 20’ Humphreys sbaglia un facile calcio per portare Ulster oltre il break. Cosa che riesce al 31’, quando Hennessy questa volta vede un velo degli Aironi proprio sulla linea di metà campo e il sinistro di Humphreys centra di nuovo i pali per il 16-25. Poco dopo un break di Biagi porta gli Aironi dentro i 22, ma il passaggio troppo basso di Bronzini vanifica l’azione. Al 75’ Ulster rimane in inferiorità numerica per il giallo a Cronin. Dalla piazzola Olivier non sbaglia per il 19-25. Anche Ulster inizia a commettere errori e regala buone opportunità agli Aironi, che però a loro volta sbagliano troppo. Ulster attacca fino alla fine per cercare anche la quarta meta, ma senza riuscirci. Finisce così 25-19 per Ulster, con gli Aironi che si devono accontentare con molto amaro in bocca del primo punto di bonus difensivo.

Aironi-Ulster 19-25

Aironi: Trevisan (st 20’ Benettin); R. Pavan, Quartaroli, Pizarro (st 20’ G. Pavan), Venditti; Olivier, Tebaldi (st 27’ Bronzini); Williams (st 16’ Favaro), Cattina, Sole; Biagi, Furno (st 8’ Viljoen); Staibano (st 11’ Redolfini), Santamaria (st 25’ Giazzon), Aguero (st 10’ Al. De Marchi). All. Phillips.

Ulster: D’Arcy; Gilroy, Cave, Spence (st 25’ L. Marshall), Whitten; Humphreys (st 37’ Jackson), P. Marshall; Henry, Faloon (st 20’ Diack), Wannenburg (st 38’ Macklin); Tuohy, Barker (st 16’ Stevenson); Cronin, Kyriacou (st 9’ Brady), McAllister (st 9’ Fitzpatrick). All. McLaughlin.

Marcatori: P.t. 17’ m Whitten (0-5), 22’ cp Olivier (3-5), 24’ m Tuohy tr Humphreys (3-12), 31’ m Williams tr Olivier (10-12), 36’ cp Olivier (13-12), 40’ cp Humphreys (13-15). S.t. 6’ cp Olivier (16-15), 15’ m Gilroy tr Humphreys (16-22), 31’ cp Humphreys (16-25), 35’ cp Olivier (19-25)

Arbitro: Hennessy (Galles).

Note – P.t.: 13-15. Gialli: S.t. 35’ Cronin. Calci: Olivier 5/6 (14 punti), Humphreys 4/7 (10 punti). RaboDirect Man of the match: Ian Humphreys (Ulster). Spettatori: 3000 circa. Punti in classifica: Aironi 1, Ulster 4.

Dal sito web degli Aironi.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi