Rumors

Toto-iscrizioni, club a rischio. Super8 in vista?

Scritto da Manuel Zobbio

Meno 3 giorni al termine ultimo per l’iscrizione ai campionati, quando finalmente potrà delinearsi il volto della stagione 2011/12, in base quantomeno a chi si dovrebbe presentare al via (il condizionale è d’obbligo). Se per il passaggio del titolo sportivo dal GranDucato al Reggio non ci dovrebbero essere problemi, a destare preoccupazione in Eccellenza sono le solite L’Aquila e Roma. Il club messo peggio sembrerebbe proprio L’Aquila, con un presidente (Romano Marinelli) dimissionario, i tanto attesi salvatori della patria che pare abbiano abbandonato definitivamente l’idea di rilevarne la proprietà (i fratelli Navarra, scettici sui bilanci visionati) ed un sindaco (Massimo Cialente) a cui è stato rimesso il compito di cercare imprenditori che vogliano salvare il club o, almeno, sponsorizzarlo. Cialente ha quindi già incontrato alcuni gruppi di imprenditori e non è escluso che, con qualche aiuto dall’esterno, sia lo stesso Marinelli ad iscrivere la squadra. Tanto più che i lodi arbitrali sono stati quasi tutti saldati, mentre con la stagione che inizia ad ottobre, ci sarebbe tutto il tempo per risolvere la situazione finanziaria in cui versano i neroverde.

Diverso il discorso per la Rugby Roma, dove il passaggio del titolo sportivo ad una nuova realtà c’è effettivamente già stato, ma gli ultimi due anni di gestione Abbondanza hanno lasciato un pesante fardello, proprio in termini di lodi a cui far fronte e rapporti da ricostruire. Con molti big con le valigie in meno ed un tecnico che pretende venga rispettato il triennale sottoscritto meno di un anno fa, il problema principale restano i debiti ereditati da Sandro Missoni e soci (il direttore sportivo Umberto Montella, il direttore dell’area legale Andrea Rossi ed il direttore generale e marketing Michelangiolo Bernabei). Conditio sine qua non per l’iscrizione sarà infatti la presentazione in FIR di una fidejussione che copra i 180 mila euro di debito nei confronti dei giocatori (fonte Gazzetta dello Sport/AIR). Si vociferò però che l’attuale società di soldi a disposizione ne abbia pochi, ecco dunque che potrebbero risultare decisivo l’apporto delle istituzioni: Comune (giovedì è in programma un incontro con il delegato allo sport Alessandro Cochi) e Coni, con cui su discuterà oggi di debiti pregressi e richiesta di concessione del Tre Fontane. In attesa di trovare nuovi sponsor (sarebbero una decina quelli vecchi disponibili a reinvestire), ci sarebbe poi una possibile apertura a Gabriele Caccamo. Già intenzionato a salvare il club, l’editore potrebbe ora rientrare in società con un ruolo da azionista di minoranza, coprendo parte delle spese. Contemporaneamente si susseguono i contatti con l’associazione Nuova Rugby Roma, che raccoglie i 400 ragazzi e i genitori del settore giovanile attorno agli allenatori guidati da Roberto Barilari.

A complicare la situazione poi il fatto che tutti i club di Serie A interpellati dalla FIR, pare, abbiano rinunciato all’eventuale ripescaggio. In particolare San Gregorio Catania – stando ai si dice – avrebbe già il suo da fare per risolvere i propri problemi, mentre Firenze e San Donà dicono di trovarsi bene in A1. Girone dove potrebbe essere presto ripescato anche Badia, vista la situazione del Venezia Mestre, pronto pare a ricominciare dalla Serie C, giocata con una squadra di ragazzini, sempre che il club non eviti addirittura di iscriversi. Una situazione similare, pare, a quella vissuta dal Rugby Riviera (Serie A2), mentre resta da capire cosa faranno gli Amatori Milano, retrocessi sul campo dalla Serie A1 alla Serie B.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi