Francia Top 14

Ultime ore per salvare lo Stade: tre persone in manette

Più che di rugby si tratta di cronaca vera e propria. Il caos parigino fa registrare continui colpi di scena: tre persone sono state infatti arrestate dalla Gendarmeria francese in seguito alla scoperta che il Fondo canadese che aveva promesso di salvare lo Stade Français si è rivelato in realtà senza un soldo. Dopo il primo arresto, a quanto pare quello del segretario generale della Facem, il fondo canadese spacciatosi per salvatore dei parigini, ne sono seguiti altri due a stretto giro di posta. L’ipotesi è che dietro quel salvataggio in extremis ci possa essere stata una truffa da diversi milioni di euro. Chi paga come sempre è il tifoso, in questo caso dello Stade Français, o più in generale l’appassionato di rugby che rischia di veder sparire un club storico del panorama ovale francese ed europeo. Max Guazzini e Bernard Laporte hanno tempo fino a lunedì 27 per trovare i soldi necessari a coprire l’enorme buco finanziario da circa 6 milioni di euro. Secondo alcuni media francesi, Guazzini sarebbe già riuscito a trovare dei finanziatori e lunedì dovrà dare garanzie alla DNACG, la commissione di vigilanza sui bilanci dei club professionistici della Francia rugbistica.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi