Guinness PRO12 Zebre

Vittoria degli Aironi contro l'Edimburgo

Gli Aironi completano la doppietta italiana contro le scozzesi conquistando contro Edimburgo la prima vittoria stagionale. Un successo ampiamente meritato perché gli Aironi hanno avuto la meglio nei punti chiave. La mischia ordinata ha messo sotto pressione il pack scozzese conquistando punizioni importantissime, la touche è stata il trampolino ideale per lanciare le azioni offensive orchestrata da una mediana Tebaldi-Olivier sempre più affiatata e sempre più convincente al di là delle mete personali segnate nel primo tempo, chiuso in vantaggio 12-8. Nella ripresa gli Aironi hanno dimostrato subito di non voler tirare il freno a mano, segnando immediatamente la terza meta con Nick Williams. Dopo il recupero scozzese, ci ha il piede di Naas Olivier a tenere a bada gli avversari e a fissare il 25-19 finale.

PRIMO TEMPO
Prima parte di gara molto tattica. Si gioca parecchio al piede e tra Olivier e Hunter, sono gli Aironi ad ottenere un vantaggio territoriale. Il primo tentativo, dopo quasi 10 minuti, è un drop di Trevisan dalla lunghissima distanza che non centra i pali. La supremazia territoriale è premiata al 14’. La mischia ordinata si guadagna una punizione a metà campo. Olivier va in touche e porta gli Aironi a ridosso dei 22. Rimessa laterale vinta perfettamente da Viljoen, poi Tebaldi finta di aprire il gioco e invece si inserisce tra le maglie della difesa scozzese liberando la strada alla meta in mezzo ai pali di Olivier. L’apertura sudafricana trasforma agevolmente e segna il vantaggio 7-0 dei padroni di casa. Vantaggio che si riduce al 19’ quando un fuorigioco della linea degli Aironi concede a Laidlaw una comoda punizione per il 7-3. Il tempo di ripartire da centrocampo e Edimburgo risale subito il campo e alla fine sfonda con Traynor. Laidlaw sbaglia la trasformazione, ma gli scozzesi vanno avanti 7-8 a metà primo tempo. Gli Aironi si riprendono prontamente e si affidano ancora al piede di Trevisan per risalire il campo. Nei 22 offensivi Biagi ruba la touche scozzese e regala un possesso prezioso. Sul primo attacco Edimburgo si salva in rimessa laterale, poi un fallo in ruck degli Aironi rovina tutto. Il finale di tempo è però ancora a vantaggio degli Aironi. Al 38’ altra touche vinta dentro i 22 offensivi da Cattina, quando il gioco si allarga è Furno a rompere il placcaggio e ad arrivare ai 5 metri, dove Tebaldi gioca il vantaggio e si allunga a marcare la seconda meta degli Aironi. La trasformazione di Olivier colpisce il palo e quindi il risultato si fissa sul 12-8. A 40’ già scoccato la mischia ordinata si guadagna un’altra punizione ai 40 metri: il tentativo di Olivier esce però a lato e conclude così la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO
In avvio di ripresa Edimburgo sostituisce subito i piloni Traynor e Knight, sovrastati in mischia chiusa da Aguero e Staibano. Gli Aironi ricominciano invece da dove avevano finito. Punizione guadagnata in mischia, piede di Olivier a risalire il campo, touche vinta da Biagi che dà il via all’azione che porta in meta Nick Williams sull’affondo di Olivier. Lo stesso Olivier questa volta non sbaglia la trasformazione e al 3’ fa 19-8. Edimburgo sostituisce anche l’intera mediana e all’11’ accorcia con un piazzato di Leonard (19-11). Come accaduto nel primo tempo, Edimburgo trova la meta subito dopo essere già andata a segno. Questa volta è Visser a sfruttare l’errore difensivo degli Aironi. Leonard sbaglia la trasformazione (19-16). Ad allungare nuovamente il divario ci pensa Naas Olivier che al 23’ centra i pali da 40 metri per il 22-16. Ancora Olivier ci riprova dalla lunghissima distanza un paio di minuti più tardi, ma questa volta la mira è sbagliata. L’apertura sudafricana ha però il piede caldo e al 26’ prova con successo il drop da trenta metri e porta gli Aironi oltre il break: 25-16. Sull’azione successiva gli Aironi hanno l’occasione di chiudere la partita. Williams parte dalla sua metà campo passando sul punto d’incontro, s’invola e trova il sostegno di Sole, che però invece di andare sul lato chiuso per il più veloce Favaro, cerca il sostegno di Redolfini al centro. L’azione rallenta, ma gli Aironi ci provano ancora con Sinoti e poi con Redolfini, ma alla lunga la difesa di Edimburgo si schiera e recupera il pallone. Il possesso è comunque degli Aironi e al 28’ Olivier prova ancora il drop da lontano, senza però trovare i pali. Con un po’ di fortuna, invece, i neroargento si salvano alla mezz’ora, quando Leck non riesce a recuperare il suo stesso calcetto che gli avrebbe spalancato la via della meta. E’ comunque Leonard al 37’ a dare altri tre punti dalla piazzola a Edimburgo (25-19). Un calcio che serve però a Edimburgo solo per conquistare il punto di bonus difensivo, perché gli Aironi tengono gli scozzesi ben lontani dall’area di meta e in ruck vanno anche a recuperare l’ultimo pallone mettendo così il sigillo sulla vittoria.

AIRONI – EDIMBURGO 25-19 (p.t. 12-8)

Marcatori: P.t. 14’ m. Olivier tr. Olivier (7-0), 19’ c.p. Laidlaw (7-3), 21’ m. Traynor (7-8), m. Tebaldi (12-8); S.t. 3’ m. Williams tr. Olivier (19-8), 11’ c.p. Leonard (19-11), 13’ m. Visser (19-16), 23’ c.p. Olivier (22-16), 26’ drop Olivier (25-16), 37’ c.p. Leonard (25-19).

Aironi: Trevisan; Sinoti, Quartaroli, Pizarro, Venditti; Olivier, Tebaldi; Williams, Cattina, Viljoen (s.t. 15’ Favaro); Biagi (s.t. 22’ Sole), Furno; Staibano (s.t. 20’ Redolfini), Santamaria, Aguero (s.t. 20’ Al. De Marchi). All.: Phillips.

Edimburgo: Brown; Jones, Thompson (s.t. 25’ Scott), King, Visser; Hunter (s.t. 5’ Leonard), Laidlaw (s.t. 5’ Leck); McInally (s.t. 33’ Watson), Grant, Denton; Turnbull (s.t. 5’ Gilchrist), Cox; Knight (s.t. 2’ Niven), Lawrie (s.t. 33’ Walker), Traynor (s.t. 1’ Hislop). All.: Bradley.

Arbitro: Allan (Sco).

Note – P.t.: 12-8. Calci: Olivier 4/8 (drop 1/2, 10 punti), Trevisan 0/1 drop, Laidlaw 1/2 (3 punti), Leonard 2/3 (6 punti). RaboDirect Man of the match: Naas Olivier (Aironi). Spettatori: 2500. Punti in classifica: Aironi 4, Edimburgo 1.

Dal sito web degli Aironi.

Biografia

Manuel Zobbio

Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha collaborato con Rugby! magazine, il settimanale lameta, MondoRugby e l'European Rugby Cup. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi