PiazzaRugby

Al Rovigo il derby d'Italia. Ottimo Matteo Ferro

Scritto da Manuel Zobbio

1 febbraio 2015 • Rovigo vs Petrarca • Matteo Ferro lanciato a metaLa FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta supera l’importante prova al “Plebiscito” vincendo il derby numero 154 contro il Petrarca Padova per 24-6: l’Adige Cup rimane a Rovigo. I bersaglieri bissano la vittoria dell’andata ed inaugurano il girone di ritorno del Campionato Italiano d’Eccellenza confermando la terza posizione nel massimo campionato, a cinque punti dal Calvisano capolista ma con un confortante margine di sette lunghezze sulla quarta posizione, dove è lotta a due tra Lafert San Donà e Fiamme Oro Roma.

I Bersaglieri di Filippo Frati instradano la gara lungo i binari giusti nel primo quarto di gara, con una meta di Majstorovic ed una di un ottimo Matteo Ferro, entrambe trasformate da Basson, che permettono ai rossoblù di allungare subito sul 14-0. Padova prova a rimanere attaccata al match con due piazzati di Fadalti, ma al quarto d’ora della ripresa la terza meta ospite, firmata da Ngawini e trasformata da Basson, fissa il risultato sul 24-6, con il Petrarca che, nel finale, si salva in almeno due occasioni negando a Rovigo la meta del bonus.

I rossoblù, in campo con il lutto al braccio per ricordare Luigi “Gigi” Equisetto, partono subito bene ma dimostrano qualche difficoltà in touche, dove Padova ha la meglio per ben due volte consecutive, mentre alla prima mischia sono i padroni di casa a commettere fallo. Ad 8 minuti dal fischio d’inizio un gran placcaggio di Van Niekerk fa perdere la palla a Bettin, Majstorovic è abile a recuperarla e calciarla giusta giusta per schiacciarla poi oltre la linea di meta. Basson trasforma per il 7-0. Padova risente della marcatura subita e nei minuti successivi appare un po’ in confusione, cosa che favorisce i rossoblù che al 17′ tornano a segnare con Ferro: un bel calcio a seguire di Rodriguez è stato seguito da Ngawini che ha bloccato Fadalti nella ricezione dell’ovale permettendo a Edoardo Lubian di alzare il pallone per l’accorrente Ferro che è entrato in meta senza trovare alcuna difesa. L’estremo dei Bersaglieri ancora una volta non fallisce la trasformazione portando il punteggio sullo 0-14. La risposta dei tuttineri arriva solo al 25′ quando Fadalti dalla piazzola mette a segno un calcio piazzato, ma allo scoccare della mezz’ora anche Basson riesce nella stessa impresa e il primo tempo si chiude sul punteggio di 3-17.

La ripresa vede i padroni di casa passare subito in vantaggio grazie al piede di Fadalti, che mette a segno un piazzato fischiato dall’arbitro per placcaggio alto rossoblù. La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta è però agguerrita e cerca la terza meta, senza riuscire a concretizzare gli sforzi. Il Petrarca guadagna un altro calcio a favore e Fadalti ci riprova dalla piazzola, stavolta senza riuscire nell’impresa. È al 15′ che arriva la svolta: Rodriguez serve un ottimo ovale ad Ngawini che riesce a dribblare due avversari e segnare oltre la linea. Il cecchino Basson trasforma per il 6-24. nei restanti minuti di gioco si vede un Rovigo deciso a segnare la quarta meta, nonostante un giallo a Caffini al 28′, e un Petrarca altrettanto agguerrito nell’impedire agli avversari di portare a casa il punto di bonus. L’occasione migliore per realizzare la quarta meta è arrivata ancora dal pressing con De Marchi che allo scadere del match ha rimpallato un calcio di liberazione petrarchino a metà campo e ha poi tentato la volata verso i pali del Petrarca.

Questo il commento di coach Filippo Frati alla fine del match: «Sono contento per il risultato, perché ottenuto contro una diretta concorrente per un posto nei play-off la quale, penso, abbia dimostrato con la partita di oggi di avere tutte le carte in regola per giocarsela fino in fondo. Inoltre non posso dimenticare che si trattava di un derby, per cui il primo pensiero al fischio finale è andato ai nostri tifosi che meritavano questo risultato. Alla luce di come sono andate le cose può esserci il rammarico per non aver segnato la meta del bonus ma va dato atto al Petrarca di avere giocato una grande partita e di non avere mai mollato fino alla fine. Quanto a noi siamo stati molto bravi nel concretizzare le occasioni che abbiamo creato, e molto bravi nel difendere con ordine e aggressività i ripetuti attacchi del Padova».

La cronaca dettagliata di RovigoOggi: http://www.rovigooggi.it/articolo/2015-02-01/i-bersaglieri-affondano-i-tuttineri-in-17-minuti/#.VM6c6sazS9Y

Classifica: Calvisano 41, Mogliano 37, Rovigo 36, San Donà 29, Fiamme Oro 29, Viadana 26, Petrarca Padova 22, Lazio 18, L’Aquila 5, I Cavalieri Prato 0.
ETRARCA – FEMICZ ROVIGO 6 – 24
Marcatori: p.t. 7’ m. Majstorovic tr. Basson, 17’ m. Ferro tr. Basson, 26’ c.p. Fadalti, 31’ c.p. Basson; s.t. 2’ c.p. Fadalti, 15’ m. Ngawini tr. Basson.

PETRARCA: Capraro; Innocenti (1’ s.t. Favaro), Woodhouse, Bettin, Fadalti; Benettin, Francescato (19’ s.t. Curtolo); Eru, Giusti, Conforti; Rocchia (38’ s.t. Trotta), Michieletto (42’ s.t. Nostran); Leso (25’ s.t. Iacob), Bigi, Furia (22’ p.t. Zani). All. Moretti/Salvan

FEMICZ ROVIGO: Basson; Ngawini, Majstorovic, Van Niekerk (32’ s.t. McCann), Menon; Rodriguez, Bronzini; Ferro (39’ s.t. Maran), E. Lubian (24’ s.t. De Marchi), Ruffolo; Montauriol, Caffini; Roan (14’ s.t. Quaglio), Mahoney (24’ s.t. Ceccato), Quaglio (1’ s.t. Ravalle). All. F. Frati

Arbitro: Pennè di Milano.
Note: p.t. 3-17. Spettatori 2.500 circa. Prima della partita è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare la scomparsa dell’ex giocatore e tecnico rossoblù Luigi Equisetto. Cartellino giallo per Caffini al 29’ s.t.. Calciatori: Fadalti 6 p.ti (c.p. 2/3); Basson 9 p.ti (c.p. 1/1, tr. 3/3). Man of the Match: Rodriguez. Punti classifica: Petrarca 0; Rovigo 4.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi