PiazzaRugby

Capitan Matteo Ferro guida Rovigo alla finale scudetto

Scritto da Manuel Zobbio

Rovigo batte la Fiamme Oro e vola in finale • capitan Matteo Ferro in azioneLa FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta vola in Finale grazie alla vittoria di 17-10 sulle Fiamme Oro Rugby davanti al pubblico di casa dello Stadio “Mario Battaglini”, che sabato prossimo ospiterà la sfida per lo Scudetto.

Trascinati da capitan Matteo Ferro, i padroni di casa si fanno subito valere con una grande touche che mette in difficoltà le Fiamme Oro Rugby, così come la mischia. I primi punti sono rossoblù e vengono dalla precisione di Basson alla piazzola che al 10′ mette l’ovale tra i pali. Pochi minuti dopo, grande invenzione di Rodriguez che mette a segno un drop per il 6-0. Le Fiamme Oro riescono ad accorciare le distanze solo al 35′ con Benetti che si dimostra come al solito molto preciso. Forti dell’accorcio, i cremisi iniziano a mettere molta pressione sui rossoblù che sono però bravi ad arginare i tentativi d’incursione dei romani. Il piede di Basson si fa risentire con un calcetto precisissimo porta alla prima meta del match a firma di McCann e trasformata per l’11-3. Proprio allo scadere del primo tempo Rovigo ottiene un piazzato, il calcio di Basson colpisce la traversa e cade dalla parte giusta: 14-3 e le squadre vanno agli spogliatoi.

La ripresa vede le Fiamme Oro molto agguerrite ma ancora una volta devono fare i conti con il piede di Basson che dalla piazzola manda l’ovale tra i pali per il 17-3. I cremisi comunque non demordono e riescono ad ottenere una meta con Amenta al 25′, che Benetti trasforma per il 17-10, punteggio su cui si chiude il match. La fine della partita è una vera e propria battaglia, con le Fiamme Oro che tentano in tutti i modi di segnare la seconda meta e Rovigo che difende strenuamente, senza dare possibilità alla squadra della Polizia di Stato. I Bersaglieri sono in Finale, sabato prossimo al “Battaglini” l’ultima, grande, sfida.

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 23 maggio 2015
Eccellenza, Semifinale di ritorno
FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA v G.S. FIAMME ORO RUGBY 17-10
Marcatori: p.t10′ cp. Basson (3-0), 12′ drop Rodriguez (6-0), 35′ cp. Benetti (6-3), 38′ m. McCann non tr. (11-3), 43′ cp. Basson (14-3); s.t. 9′ cp. Basson (17-3), 25′ m. Amenta tr. Benetti (17-10)
FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta: Basson, Menon, Majstorovic, Van Niekerk, McCann, Rodriguez, Bronzini, De Marchi (19′ st. Lubian E.), Caffini, Ruffolo, Ferro (cap.) (18′ st. Zanini), Boggiani (35′ st. Maran), Roan (30′ st. Balboni), Ceccato (21′ st. Mahoney), Quaglio (12′ st. Pozzi).
A disposizione: Bortolussi, Farolini
All. Filippo Frati
G.S. Fiamme Oro Rugby: Barion, Valcastelli, Sapuppo, Massaro (cap.), Bacchetti, Canna, Benetti, Duca (21′ st. Amenta), Marazzi, Zitelli, Sutto, Cazzola F. (10′ pt. Cazzola A.), Ceglie (5′ st. Naka), Vicerè (5′ st. Cerqua), Cocivera (5′ st. Di Stefano).
A disposizione: Marinaro, Thomsen, Forcucci.
All. Pasquale Presutti
arb.: Vivarini (Piove di Sacco)
g.d.l.: Bertelli (Ferrara), Lorenzetto (Treviso)
quarto uomo: Giacomini (Treviso)
TMO: Dordolo (Udine)
Man of the match: Edoardo Ruffolo (Rovigo)
Calciatori: Basson 3/4, Rodriguez 1/1 (Rovigo); Benetti 2/3 (Fiamme Oro)
Note: giornata nuvolosa, 16° circa, terreno leggermente allentato ma in buone condizioni. Spettatori circa 3000.
Punti conquistati: FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta 4, G.S. Fiamme Oro Rugby 1

Il Presidente rossoblù, Comm. Francesco Zambelli: «Sono contentissimo, credo che sia un giusto merito alla Società ma, a ragion veduta, il merito va ai giocatori che oggi hanno fatto una partita probabilmente non com’era nelle loro intenzioni: tanti complimenti per come hanno resistito negli ultimi 15 minuti, eroici hanno difeso la linea di meta fino alla fine. Un grande grazie e riconoscimento ai nostri tifosi, possiamo dire che al 95% oggi erano polesani e hanno fatto vedere di che pasta sono fatti. Per sabato prossimo abbiamo deciso di attrezzare il campo anche della quarta tribuna, sperando di essere premiati anche in questa idea che renderà ammirevole il nostro Stadio, il nostro pubblico, la nostra Società».

L’head coach dei Bersaglieri, Filippo Frati, felicissimo afferma alla fine della partita: «Il merito di questa vittoria è del gruppo, di chi lavora quotidianamente anche dietro le quinte per rendere più facile il nostro lavoro; vorrei che si ricordasse quanto abbiamo fatto quest’anno, quanto siamo cresciuti. Ci saranno tanti fattori che andranno ad incidere sul risultato finale, dobbiamo rimanere concentrati sulle cose che possiamo controllare, sul nostro miglior rugby che ci ha portati fino a qua. Rovigo più di qualsiasi altro Club, più di qualsiasi altra città, più di qualsiasi altra tifoseria, merita lo Scudetto. Entrando in campo oggi, lo confesso, mi sono emozionato».

«Ringrazio Joe McDonnell, che ha portato tanta serenità e tanta competenza, e se oggi abbiamo vinto è grazie al lavoro fatto da lui durante quest’ultima settimana. Un plauso enorme ai ragazzi che hanno difeso con ordine, disciplina ma soprattutto fame. Ringrazio infine Tommaso Boldrini e lo staff medico per il lavoro di recupero fatto per Quaglio, Ceccato, McCann e Majstorovic che sono rientrati per questa partita dal primo minuto e hanno fatto la differenza».

Joe McDonnell gli fa eco: «Siamo professionisti, lavoriamo per rispettare le regole e devo fare i complimenti all’arbitro per come ha gestito oggi le mischie. Sono molto felice, oggi abbiamo fatto un grande lavoro seguendo tecniche e regole giuste. Ceccato oggi ha fatto una grandissima partita, penso sia stato uno dei migliori in campo. La mischia è stata performante ma anche la touche ha veramente fatto la differenza. Complimenti ai giovani, tanti oggi in campo».

«Faccio i complimenti a Pippo per i quattro anni fantastici che mi ha regalato con questo lavoro – afferma il preparatore atletico Tommaso Boldrini – è un coach che lavora in maniera quasi maniacale, non perde mai la rotta, punta dritto all’obiettivo e rimane sempre con i piedi per terra. Ho imparato molto da lui, e non è un caso se siamo arrivati in Finale. Oggi a pranzo mi ha stupito la concentrazione che c’era nel gruppo, i ragazzi erano già pronti 4 ore prima della partita. Abbiamo una grande possibilità, ora sta a noi: guardiamo al nostro, non agli avversari, a quello che sappiamo fare di buono. Sono contento per la condizione fisica dei ragazzi, tutti volevano giocare 80 minuti, nessuno voleva uscire dal campo: questa la dice lunga su cosa vogliamo».

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi