Inghilterra Premiership Rugby Internazionale

Concussion, ora l'Inghilterra è preoccupata. Al via uno studio su 200 ex atleti

Scritto da Manuel Zobbio

La Federazione inglese inizierà uno studio per capire i potenziali effetti che la concussion provoca nei giocatori di rugby. Più di 200 ex atleti – di età superiore ai 50 anni – si sottoporranno a test e analisi che verranno poi messe a confronto con quelli di persone che, durante la loro vita, non hanno subito continui colpi alla testa. La situazione vissuta dal capitano dell’Inghilterra, Dylan Hartley, ha allarmato un po’ tutti, con il giocatore che potrebbe mettere fine alla propria carriera nel caso subisse un altro trauma alla testa. L’obiettivo dello studio – come spiegano i vertici della RFU – è capire se e quali connessioni possono esserci tra i traumi alla testa subiti dai giocatori e malattie quali SLA, Parkinson e dolori cronici al cervello. Tali test verranno condotti dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine, Queen Mary University of London, Institute of Occupational Medicine, University College London e Oxford University.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi