Italia Italia Top 12 Serie A

Cristian Cerioni torna a giocare: sarà l'utility back dei Medicei

Scritto da Manuel Zobbio

L’ex utility back di Mogliano, Petrarca e Prato, Cristian Cerioni, torna a calcare un campo di rugby e lo farà in Toscana con gli ambiziosi Medicei allenati da Pasquale Presutti. Dopo la precedente esperienza toscana vissuta con i Cavalieri, Cerioni aveva deciso di prendersi una pausa dal rugby giocato per dedicarsi al lavoro. Il richiamo del campo però è stato troppo forte ed ora eccolo nuovamente in azione con la palla ovale sotto il braccio. Questa la nota dei Medicei.

‘Cristian Cerioni, trequarti milanese – Segrate – di notevole fisicità, entra a far parte della Toscana Aeroporti I Medicei. Giocatore potente e tecnico – classe ’91, mediano di apertura/centro/estremo, 187 cm per 92 kg –, può vantare un titolo italiano conquistato con il Mogliano nella finale Eccellenza del 2013 contro I Cavalieri Prato e uno con il Calvisano in Under 18.
Con una solida presenza in Azzurro – Under 20/18/17 – e nelle varie Accademie FIR, Cerioni nonostante la giovane età ha già vestito le maglie di molte delle più importanti squadre italiane, vivendo le loro realtà e incrementando il suo bagaglio di esperienze. Dopo un breve periodo dedicato all’attività professionale nell’azienda di famiglia, ha scelto Firenze per di riprendere con il suo percorso sportivo, scommettendo su I Medicei.
Cerioni ha compiuto da giovanissimo i suoi primi passi con la palla ovale nel Milan Jr ed è arrivato adesso a potersi considerare un giocatore eclettico per le doti fisiche e tecniche che ha acquisito. È quello che si può definire un utility back, potendo coprire indifferentemente più ruoli – mediano di apertura, centro ed estremo – un aspetto che sarà molto utile all’economia della squadra gigliata.

Le dichiarazioni di Cristian Cerioni raccolte alla firma del contratto presso la sede de I Medicei

Cristian Cerioni, le motivazioni sulla tua scelta di venire a Firenze?

Sicuramente la scelta è stata ponderata per lungo tempo e sono felicissimo di essere qua. Firenze è una città bellissima e la società ha basi ottime su cui puntare per salire in Eccellenza già il prossimo anno. Questo è l’obiettivo che mi sono prefissato e d’ora in poi sarà quello su cui lavorare per il resto della stagione.

Hai già una discreta carriera alle spalle, con presenze anche in Eccellenza. Quanto potrà contare questa tua esperienza nell’apporto alla squadra?

Aver giocato con due società forti come Mogliano e Petrarca mi ha insegnato a lavorare duro in settimana per scendere poi in campo e dare sempre il meglio. Voglio trasmettere ai ragazzi più giovani di Firenze e tutta la squadra il ‘professionismo’ come può essere in Eccellenza per far sì di crescere tutti come gruppo ed ottenere il meglio da ciascuno.

Anche parlando dell’Eccellenza, quali sono i momenti della tua carriera che ricordi con piacere?

Uno è la finale scudetto che abbiamo vinto a Prato tre anni fa, anche se l’ho vissuta dalla panchina con il Mogliano… Quello è il ricordo migliore della mia carriera. Poi lo scudetto Under 18 che ho vinto con Calvisano. Non sono mancati anche i momenti brutti, quando mi sono rotto il perone nell’ultima di campionato Under 20 con il Viadana. Però dico che l’Eccellenza non è così lontana da raggiungere e lo possiamo fare credendoci e con l’apporto dell’esperienza di tutti.

Parlando di te come giocatore: quali sono le tue caratteristiche?

Sono abbastanza polivalente. Mi sento un centro ma posso giocare anche apertura o estremo: ero arrivato al Petrarca come estremo ma mi hanno spostato di nuovo a centro. Posso giocare sia dal punto di vista più fisico che da quello tecnico, dipende dalla partita e da quello che mi chiedono i tecnici. Dipende tutto da Pasquale (Presutti), ecco!

Chiudiamo una tua speranza, un pensiero, per quello che sarà il tuo essere giocatore qui a Firenze.

Purtroppo, o per fortuna, ho cambiato tante squadre. Spero di  rimanere qua un po’ più tempo rispetto ad altre esperienze che ho avuto, perché Firenze può offrire tanto sotto tanti punti di vista. Da quello sportivo, come abbiamo già detto, che da quello, magari, lavorativo, e dell’ambiente in generale. Spero di trovarmi bene e che voi mi vogliate bene. Io ricambierò nel migliore dei modi giocando al meglio ogni partita che avrò la possibilità di giocare.

Nome: Cristian

Cognome: Cerioni

Soprannome: Cerio, Cirstian

Data di nascita: 14/01/1991

Luogo di nascita: Segrate (MI)

Nazionalità: Italiana

Altezza: 187 cm

Peso: 92 kg

Ruoli giocati: mediano di apertura, centro, estremo

Ruoli preferiti: mediano di apertura, centro, estremo

Club precedenti: Milan Rugby (Jr, 1995/1998); Cus Milano (Jr, 1999/2006); Calvisano (U18/U20, 2007/2009); Amatori Milano (Serie A, 2009/2010); Piacenza (Serie A, 4 mesi 2010); Viadana (U20, 2010/2011); Mogliano (Eccellenza, 2011/2013); Petrarca Padova (Eccellenza, 2013/2015); Cavalieri Prato (Eccellenza, 3 mesi 2015)

Honours: Selezioni regionali u14,u15; Selezioni zonali u16,u17; Nazionale u17,u18,u20; Nazionale Seven; Raduno Nazionale Emergenti;

Titolo o corso di studio – Attività professionale/lavorativa: Diploma scuola superiore Geometra; Geometra; Manager 100 Montaditos Navigli Milano’.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi