eSports

DAEMON entra nel mondo degli eSports. Ci sarà spazio anche per il rugby?

Scritto da Davide Macor

DAEMON l’agenzia di Sport Management specializzata nel rugby fondata da Marco Martello e Manuel Zobbio, che conta dallo scorso anno anche sull’apporto di Luca Mantovani, entra ufficialmente anche nel mondo degli eSports. Daemon eSports Agency è il nome dello spin-off guidato da David Zobbio, atleta tuttora in attività nel mondo dell’atletica e ora prossimo alla laurea in economia. In attesa di scoprire se vi saranno collegamenti anche nel mondo del rugby, il primo passo è con un interessante progetto a livello locale, organizzato in collaborazione con Brescia eSports.

L’innovativo progetto “MZ15, Marco Zambelli eSports Academy” sarà presentato ufficialmente domenica in occasione del Gardacon. Fiera del fumetto, del videogioco, dei social media e della cultura pop» che si terrà nel week a Montichiari (BS), presso la Fiera del Garda. Laureato, un master Sport&Management, tanti progetti attivi e una passione mai sopita per il calcio, che lo vede tuttora in campo a livello CSI con la Muppet FC, Marco Zambelli fa il suo esordio nel mondo del videogioco competitivo, con un team nato con l’idea di aggregare i ragazzi e scoprire i giovani talenti che Brescia e Provincia offrono anche nel mondo eSportivo, fenomeno in crescita costante. «Il nostro fine ultimo non è il risultato – spiega Zambelli – che deve esser visto solo come una naturale conseguenza dell’evoluzione di un progetto sportivamente sano. Ma promuovere un approccio culturalmente propositivo nei confronti del mondo dei videogiochi, nella forma più sana e aggregativa possibili. Per questo vogliamo lavorare sul territorio, tornare quanto prima negli oratori, promuovere occasioni di confronto tra i ragazzi». L’idea è che il mondo dello sport e quello degli eSports si incontrino sempre di più, soprattutto ora che tornano ad esserci occasioni di confronto dal vivo, lavorando sul territorio e contribuendo a costruire e diffondere un sistema di valori comuni. Gli stessi che Marco Zambelli ha sempre incarnato e rappresentano anche il credo di Brescia eSports, partner strategico del progetto, gestito da Daemon eSports Agency, talent specializzato nello sport virtuale fondato dal 22enne bresciano David Zobbio, anche lui sportivo di alto livello tuttora in attività nell’atletica leggera. 

Dal 2017 Brescia eSports rappresenta la città di Brescia nel mondo del gaming competitivo. Un percorso iniziato con il videogioco FIFA, ma che ha visto presto allargarsi la community di appassionati, annoverando sempre più titoli e migliorando costantemente i propri risultati fino a diventare un punto di riferimento a livello Italiano, con successi importanti anche a livello internazionale. Da segnalare a tal proposito, la partecipazioni a tre competizioni mondiali con i ragazzi di FIFA, 3 Mondiali WRC (tra le 6 migliori scuderie al mondo), Team competitivi ai massimi livelli nazionali di For Honor, Pokémon Unite, Pro Club, Call of Duty, Tekken, Sim Racing, PES e la recentissima NBA. 

Oltre alle squadre appena citate, sono sempre di più i giocatori scoperti, coltivati e valorizzati dalla realtà di Brescia eSports, che ha fatto dei valori condivisi e del lavoro sul territorio il proprio credo. Ante Covid sono stati così più di 30 i tornei dal vivo organizzati, in meno di tre anni di attività. «L’obiettivo è ora quello di poter tornare finalmente ad organizzare insieme eventi dal vivo, in cui i ragazzi potranno confrontarsi tra loro, crescere come giocatori in un clima di competizione positivo. In cui fare anche educazione al mondo del virtuale. Correre dietro ad un pallone o giocare ad un videogioco non sono due cose antitetiche, ma due momenti diversi di un processo di crescita. Se poi dovessimo scoprire qualche giovane talento bene, ma il vero successo è tornare negli oratori, nei luoghi di aggregazione, stare insieme e costruire qualcosa». In questo Marco Zambelli sarà affiancato da tre mentor, ragazzi bresciani, ognuno già un punto di riferimento nella propria community. Non può certo mancare FIFA22, il videogioco di simulazione calcistica più diffuso al mondo. Qui il progetto non può che essere in rosa, in piena sintonia con quanto Marco Zambelli e la moglie Clara Gorno – presidentessa del Brescia Calcio Femminile – stanno già facendo da tempo sul tema delle pari opportunità. Mentor e talent scout della squadra MZ15 è Maddalena “Madda” Piras, di Rezzato, top player con un ricco palmares e già due eWorld Cup all’attivo. Alessandro “Alexino_112” Bulgari, di Villanuova, 3 stagioni al mondiale ufficiale WRC, sarà il punto di riferimento per il mondo del Sim Racing. Rally, Gran Turismo e non solo. Coadiuvato dai ragazzi di Brescia eSports, MZ15 darà il via ad una serie di circuiti virtuali locali dove i migliori piloti in erba potranno confrontarsi, affrontando le curve di casa in totale sicurezza. Il giovanissimo Luca “White” Duina, di Azzano Mella, futuro chef e tuttora studente al Mantegna, è invece il miglior allenatore di Pokémon della provincia e probabilmente d’Italia. Nella community di Pokémon Unite è già una leggenda (nessuno crederebbe che abbia solo 18 anni e non ancora la patente…). Chi oserà sfidarlo? 

MZ15 e i tre mentori sono già all’attivo per organizzare i primi appuntamenti e selezionare i primi giovani talenti che entreranno a far parte della MZ15 Academy. La prima selezione per la squadra FIFA sarà già questa domenica, in occasione del torneo in programma nella Gamers Arena del Gardacon. Con finale trasmessa su maxischermo e in diretta su multiplayer.it 

Biografia

Davide Macor

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi