Zebre

GLI AIRONI PERDONO L'ULTIMA DI MISURA

Nell’ultima partita di Magners League i Montepaschi Aironi sfiorano solamente l’impresa contro gli Ospreys, che vincono 12-10 grazie a quattro calci piazzati (tre di Biggar e uno decisivo di Hook a tre minuti dalla fine su un fischio discutibile di Macpherson, che non ha certo aiutato la formazione italiana soprattutto nel finale di gara). Per gli Aironi tante le note positive della partita, dall’ottima prestazione di Furno anche nell’inedito ruolo di flanker alle percussioni di Pizarro, dall’organizzazione difensiva all’azione della meta di Demas che aveva permesso al Montepaschi di chiudere avanti 7-3 il primo tempo. Un vantaggio aumentato da Tebaldi a inizio ripresa prima che due calci di Biggar (solo 3 su 7 dalla piazzola per l’apertura gallese) riportassero sotto gli Ospreys e Hook completasse la rimonta che vale un posto in semifinale sulla discussa azione al 77’.

PRIMO TEMPO
Al momento dell’entrata in campo, i giocatori degli Aironi lasciano che siano Gareth Krause e Gigi Ferraro – entrambi all’ultima partita a Viadana – a ricevere gli applausi del pubblico dello Zaffanella. La prima opportunità è invece per gli Ospreys, ma l 9’ il piazzato di Biggar concesso per entrata laterale in ruck, termina a lato. Gli ospiti continuano comunque a mantenere il predominio territoriale, ma per due volte la difesa degli Aironi sulla touche avversaria è perfetta e consente di recuperare il possesso. In mischia ordinata il vantaggio è invece degli Ospreys e al 18’ proprio la spinta del pacchetto gallese porta ad una nuova punizione per il piede di Biggar. Questa volta il miglior marcatore stagionale della Magners League non sbaglia e porta gli Ospreys avanti 0-3. L’apertura degli Ospreys ha una nuova opportunità al 25’ ma da posizione centrale sbaglia incredibilmente la mira. Così dopo quasi mezz’ora quasi sempre sulla difensiva, al primo affondo sono gli Aironi a centrare il bersaglio grosso. Nasce tutto da una touche vicino alla linea di metà campo e dal fuorigioco di Adam Jones sulla maul organizzata dal Montepaschi. Marshall va in touche ai 10 metri e dopo una lunga serie di raccogli e vai Tebaldi torna all’ala verso Demas che si tuffa alla bandierina. Tebaldi trasforma e porta gli Aironi avanti 7-3. La metà dà slancio al Montepaschi, che al 39’ hanno con Marshall l’opportunità di trasformare un pallone vagante in una cavalcata verso la meta, ma il secondo calcetto dell’apertura neozelandese si spegne in rimessa laterale. Sull’ultimo pallone del primo tempo il Montepaschi rischia così di essere punito, ma ancora una volta il piede di Biggar è sballato e la punizione da quasi metà campo non centra i pali, mandando le squadre al riposo sul 7-3.

SECONDO TEMPO
A inizio ripresa il Montepaschi si presenta con Ongaro al posto di Ferraro. Il primo pallone in attacco è però degli Ospreys, ma il calcetto di Biggar è troppo lungo e termina oltre l’area di meta. Sull’azione gli Aironi perdono però per infortunio Gareth Krause. Al suo posto entra Cattina, con Sole che si sposta a numero 8. Sono invece gli Aironi ad allungare nel punteggio all’8’, quando Pizarro recupera un brutto passaggio e si conquista una punizione che Tebaldi trasforma per il 10-3. Tre minuti dopo Biggar riduce nuovamente il distacco con un facile piazzato centrale e al 13’ fa 10-9 centrando i pali da posizione defilata. Al 15’ un calcio discutibile concesso da Macpherson a favore della mischia ordinata degli Ospreys regala a Biggar addirittura la palla del vantaggio, ma l’apertura gallese torna a sbagliare e il risultato rimane invariato. Gli Aironi riprendono campo e al 29’ hanno una mischia a metà campo. Marshall prova un calcio ad incrociare verso Demas, ma la gittata è leggermente troppo lunga e la palla si spegne in fallo laterale a pochi metri dalla linea di meta. Anche gli Ospreys provano comunque ad attaccare per cercare la vittoria che vale un posto nei play-off. Per due volte, però, è Alberto De Marchi a mettere le mani in ruck e recuperare il possesso. Al 35’ un altro fischio contestato di Macpherson concede una nuova punizione agli Ospreys. Le proteste di Pratichetti costano anche dieci metri di avanzamento per James Hook, che centra i pali e porta avanti i gallesi. A un minuto dalla fine da una touche sbagliata dal Montepaschi, Morgan prova il drop ma non trova i pali. Gli Aironi provano allora a risalire il campo, non trovano il fischio di Macpherson su fallo in touche piuttosto vistoso, si affidano allora ai raccogli e vai ma un pallone perso in avanti mette fine alla partita.

MONTEPASCHI AIRONI – OSPREYS 10-12 (P.T. 7-3)

Montepaschi Aironi: San Martin; Pratichetti, Pavan, Pizarro, Demas; Marshall, Tebaldi (s.t. 32’ Canavosio); Krause (s.t. 3’ Cattina), Sole, Furno; Geldenhuys, Bortolami (s.t. 38’ Biagi); Staibano (s.t. 31’ Redolfini), Ferraro (s.t. 1’ Ongaro), Al. De Marchi (s.t. 37’ An. De Marchi). (All.: Phillips).

Ospreys: Fussel; Bowe, Bishop (s.t. 7’ Beck), Hook, Walker; Biggar (s.t. 20’ Isaacs), Webb (s.t. 29’ Morgan); Thomas, Holah (s.t. 18’ Gough), Tipuric; A.W. Jones, R. Jones (s.t. 33’ Smith); A. Jones, Hibbard (p.t. 40’ Bennett), James (s.t. 9’ Bevington). (All.: Holley).

Marcatori: P.t. 18’ c.p. Biggar (0-3), 29’ m. Demas tr. Tebaldi (7-3); S.t. 8’ c.p. Tebaldi (10-3), 11’ c.p. Biggar (10-6), 13’ c.p. Biggar (10-9), 37’ c.p. Hook (10-12).

Arbitro: Macpherson (Sru)

Calci: Tebaldi 2/2 (5 punti), Demas 0/1 drop, Biggar 3/7 (9 punti), Hook 1/1 (3 punti), Morgan 0/1 drop
Man of the match: Gabriel Pizarro (Montepaschi Aironi)
Punti in classifica: Montepaschi Aironi 1, Ospreys 4
Spettatori: 3700

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi