Rugby Internazionale

IL GALLES FATICA MA BATTE L'IRLANDA

Una meta molto discussa di Mike Phillips permette al Galles di superare l’Irlanda a Cardiff, vincendo 19-13 nel quarto turno dell’RBS 6 Nations. 

E’ solo la seconda vittoria in 28 anni in casa per il Galles con l’Irlanda e il merito va condiviso con James Hook e il suo piede.

Inizia male per i padroni di casa. Tre minuti e Brian O’Driscoll agguanta il record di Ian Smith e segna la sua 24ma meta nel Torneo, mentre la trasformazione seguente regala a O’Gara il superamento dei 1000 punti nei test internazionali.

Ma questi due record vengono oscurati dall’errore dell’assistente Peter Allan che permette una rimessa veloce da cui scaturisce la meta di Mike Phillips che vale il sorpasso.

Il pallone cacciato in out da Jonathan Sexton, infatti, va tra il pubblico e Matthew Rees rimette in gioco con un pallone differente.

Alla fine la vittoria viene suggellata dal calcio di Hook, ma il tutto è influenzato da quella meta quantomeno controversa.

Un match che per l’irlanda, al di là della meta iniziale, si mette male per l’infortunio di Eoin Reddan dopo pochi minuti.

La meta però arriva subito, Tommy Bowe trova un buco vincente e libera O’Driscoll per la sua 44 meta, trasformata come detto da O’Gara.

Gli infortuni continuano, ed è Craig Mitchell ad avere un brutto problema alla spalla e lasciare il campo per l’ingresso di John Yapp.

Dopo un primo errore, Hook si rifà venti minuti dopo con un piazzato che avvicina i padroni di casa all’Irlanda.

Ma il Galles non riesce a marcare mete e sempre Hook permette ai suoi di avvicinarsi a un solo punto dagli ospiti.

A Hook risponde O’Gara dalla piazzola dopo un fallo in mischia di Paul James, mentre altri due calci di O’Gara e Leigh Halfpenny chiudono il primo tempo sul 13-9 per gli ospiti.

L’inizio di ripresa è equilibrato, poi Declan Kidney sostituisce un po’ a sorpresa Ronan O’Gara con Jonathan Sexton e dal primo pallone calciato dall’apertura nasce la contestata meta di Phillips.

Come detto, l’ovale va in touche, Rees ne raccoglie un altro e libera Phillips che si invola in meta mandando il Galles in vantaggio.

Hook converte e il Galles vola in testa di tre punti. L’Irlanda prova a rispondere, ma il tabellino viene mosso nuovamente dall’apertura gallese che fissa il risultato sul 19-13.

Non basta il cuore dei tuttiverdi nel finale e alla fine è il Galles a continuare a correre con il sogno di agguantare il Sei Nazioni 2011, impattando, almeno fino a domani, l’Inghilterra in testa.

GALLES – IRLANDA 19 – 13 (p.t. 9-13)

Sabato 12 marzo, Millennium Stadium, Cardiff

Galles: 15 Lee Byrne, 14 Leigh Halfpenny, 13 Jamie Roberts, 12 Jonathan Davies, 11 Shane Williams, 10 James Hook, 9 Mike Phillips, 8 Ryan Jones, 7 Sam Warburton, 6 Dan Lydiate, 5 Alun-Wyn Jones, 4 Bradley Davies, 3 Craig Mitchell, 2 Matthew Rees (c), 1 Paul James.
A disposizione: 16 Richard Hibbard, 17 John Yapp, 18 Dwayne Peel, 19 Stephen Jones, 22 Morgan Stoddart.

Irlanda: 15 Luke Fitzgerald, 14 Tommy Bowe, 13 Brian O’Driscoll (c), 12 Gordon D’Arcy, 11 Keith Earls, 10 Ronan O’Gara, 9 Eoin Reddan, 8 Jamie Heaslip, 7 David Wallace, 6 Sean O’Brien, 5 Paul O’Connell, 4 Donncha O’Callaghan, 3 Mike Ross, 2 Rory Best, 1 Cian Healy.
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Tom Court, 18 Leo Cullen, 19 Denis Leamy, 20 Peter Stringer, 21 Jonathan Sexton, 22 Paddy Wallace.

Marcatori: 2’ m. O’Driscoll tr. O’Gara; 19’ c.p. Hook; 27’ c.p. Hook; 32’ c.p. O’Gara; 38’ c.p. Halfpenny; 40’ c.p. O’Gara; 49’ m. Phillips tr. Hook; 68’ c.p. Hook.

Dal sito rbs6nation.com

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi