Benetton Treviso

IL TREVISO PERDE A BELFAST

Nulla da fare al Ravenhill di Belfast contro un Ulster che aveva a disposizione tutte le pedine più forti e che ha dimostrato, ancora una volta, tutta la propria solidità e la voglia di essere una delle protagoniste di questa Magners League, ipotecando il risultato, con tanto di bonus mete, già nel primo tempo.
Parte bene il Benetton con un calcio piazzato di De Waal al 5′, concesso dall’arbitro Hodges per un’entrata laterale in ruck dello Springbok BJ Botha.
La replica dei padroni di casa, tuttavia, non si fa attendere con un piazzato di Humphreys scelto come piazzatore a causa di un colpo duro subito dal mediano di mischia Pienaar.
Il Benetton torna subito in attacco e all’11’ ci prova con un drop da circa 30 metri di Burton, senza comunque trovare la via dei pali.
Nell’azione successiva, però, l’Ulster trova il varco giusto e segna la prima meta dell’incontro. Humphreys batte velocemente per Trimble una rimessa laterale.
Il talentuoso nazionale irlandese trova il break sfruttando un errore difensivo di Benvenuti e ricicla all’interno per Faloon, a sua volta ben assistito da capitan Best.
Il tallonatore non ci pensa troppo e serve subito l’accorrente Pienaar che vola con il giusto angolo verso la meta, evitando il tentativo di placcaggio di Burton.
Al 19′ una mischia in favore del XV della Marca porta un’altra occasione per De Waal, con Court che non si lega su Cittadini e concede un’occasione da 40 metri in posizione centrale, che l’ex apertura di Western Province non fallisce.
Meglio di lui fa ancora una volta Humphreys, ormai designato calciatore ufficiale della formazione nordirlandese, che solo tre minuti dopo sfrutta nel migliore dei modi un fuorigioco di Van Zyl.
Il suo calcio da metà campo non è dei più semplici, ma trova i tre punti anche grazie all’aiuto del palo interno per il 13-6.
I padroni di casa continuano ad insistere solo due minuti più tardi trovano la seconda meta. Humphreys inventa all’interno per l’estremo D’Arcy che trova il varco alle spalle di Fernandez Rouyet e fa il vuoto.
Prima di essere placcato serve malamente Spence che riesce comunque a portare avanti l’ovale con il piede sinistro. La palla sfugge a Burton che sembrava in controllo e pronto a rilanciare l’azione e lo stesso Spence la recupera e si tuffa oltre la linea, per la sua prima meta personale in Magners League.
La serata dei biancoverdi continua ancora a peggiorare. I Leoni perdono un pallone in attacco ed è nuovamente Trimble a lanciare il contrattacco, ben sostenuto da Pienaar prima e da Danielli poi.
L’ala scozzese sul placcaggio ricicla malamente, ma è comunque lesto l’accorrente estremo D’Arcy che con un calcetto mancino a seguire scavalca Benvenuti e riesce poi nella raccolta per la terza meta.
L’Ulster addirittura prende il punto di bonus prima della fine dei quaranta minuti iniziali. Burton copre una buona iniziativa di Humphreys ma viene portato fuori dallo stesso.
Sulla rimessa successiva, il maul di Best e compagni è inarrestabile ed è lo stesso tallonatore a schiacciare in meta, come ravvisato dal Tmo.
All’ultimo minuto, arriva l’occasione più ghiotta per Ghiraldini e compagni. Vilk macina metri e si fa placcare a pochi passi, Semenzato apre per Sgarbi che fissa nuovamente l’azione in attacco.
Vosawai prova a ripartire, ma si scontra contro il muro biancorosso. Arriva oltre, invece, Cittadini che entra nella terra promessa, ma viene comunque tenuto alto. Niente da fare e la prima frazione di gioco si chiude sul 32-6.
La ripresa si apre con un Benetton più deciso ed aggressivo. All’8′ Nitoglia sfrutta bene lo spazio per creare un’occasione pericolosa per i suoi. L’arbitro ravvisa un fallo dell’Ulster e Semenzato gioca velocemente costringendo gli avversari ad allargare le maglie.
La palla arriva poi a Padrò che rimane alto e sostenuto da Garcia riesce ad andare oltre la linea di meta per la prima marcatura pesante dei biancoverdi.
Tre minuti più tardi, sono nuovamente i padroni di casa a rendersi pericolosi con un intercetto di Court, assistito da Tuohy e con il successivo calcetto all’ala di D’Arcy che non raggiunge l’effetto sperato.
Attorno al 20′ il Benetton torna avanti e gioca molto con la mischia vicino alla linea di meta dell’Ulster, con Sbaraglini che arriva ad un passo. De Waal e Sgarbi, poi, non s’intendono al meglio e l’azione sfuma con un in avanti.
Ancora un’occasione per la formazione ospite arriva al 32′. Protagonista un ispirato Sbaraglini, che ruba un pallone e vola lungo l’out. Placcato ricicla all’interno per Semenzato che arriva oltre la linea di meta, ma la difesa dell’Ulster è sempre ottima.
A tenere alto il mediano di mischia sono, infatti Henry e Tuohy, come confermato dal Tmo. Sulla mischia successiva, un paio di raggruppamenti e poi il calcio all’ala di De Waal per Garcia, partito però davanti al calciatore.
Treviso meriterebbe maggior fortuna per quanto fatto vedere nella ripresa, ma la buona sorte volta le spalle alla formazione di Franco Smith e la partita finisce così con la vittoria dell’Ulster 32-13.

ULSTER – BENETTON TREVISO 32 – 13 (p.t. 32-6)

Ulster: D’Arcy; Trimble (st 20′ Mcllwaine), Spence (st 32′ Whitten), Wallace, Danielli; Humphreys, Pienaar (st 1′ Marshall); Wannenburg, Faloon (st 6′ Ferris), Henry; Barker (st 6′ Tuohy), Muller; Botha (st 24′ Fitzpatrick), Best (st 32′ Brady), Court (st 32′ Young). All. McLaughlin.

Benetton Treviso: Burton; Nitoglia, Benvenuti (st 4′ Garcia), Sgarbi, Vilk; De Waal, Semenzato; Vosawai (st 4′ Minto), Zanni, Filippucci (st 24′ Derbyshire); Van Zyl, Padrò; Cittadini (st 17′ Di Santo), Ghiraldini (st 17′ Sbaraglini), Fernandez Rouyet (st 17′ Allori). A disp.: Berbabò, Botes. All. Smith.

Marcatori: pt 5′ De Waal p.; 9′ Humphreys p.; 12′ Pienaar meta tr. Humphreys; 19′ De Waal p.; 22′ Humphreys p.; 24′ Spence meta tr. Humphreys; 29′ D’Arcy meta tr. Humphreys; 35′ Best meta; st 9′ Padrò meta tr. De Waal.

Arbitro: Hodges della Federazione Gallese.

Man of the match: Andrew Trimble (Ulster)
Calci: Ulster (Humphreys 5/6), Benetton Treviso (De Waal 3/3)
Punti in classifica: Ulster 5, Benetton Treviso 0
Spettatori: 10.000 circa

Articolo tratto dal sito web del Treviso.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi