Benetton Treviso

IL TREVISO REGGE SOLO UN TEMPO CONTRO L'USAP

La partita inizia con le due squadre che si studiano attentamente sul piano tattico e sono i sang et or ad andare in vantaggio al 7′ con un calcio piazzato di Porical concesso per un “tenuto” dei padroni di casa.
I Campioni d’Italia, tuttavia, sospinti dal pubblico amico al grido di “Leoni Leoni” reagiscono immediatamente con una punizione di Willem De Waal.
Partita che resta in parità per il primo quarto di gara, con bel gioco e pallino in mano al XV della Marca, con la prima mischia che addirittura arriva solamente al 19′.
Nel Benetton si fa notare soprattutto la presenza a tutto campo di Ludovico Nitoglia che al 25′ costringe ad un placcaggio alto Tuilagi. Sul conseguente calcio di punizione, De Waal porta avanti i suoi per la prima volta.
Il cecchino sudafricano si ripete solo alcuni istanti dopo con un piazzato dalla distanza concesso per crollo del maul da parte del Perpignan, sul buon avanzamento del drive biancoblu.
Al 29′ azione pericolosa della formazione ospite, nata però da un evidente lancio storto in rimessa laterale non sanzionato dal signor Lewis, che invece ravvisa il fuorigioco di Gonzalo Garcia.  Il palo aiuta la realizzazione di Porical.
L’estremo transalpino si ripete anche cinque minuti più tardi con una punizione concessa per il mancato rotolamento del placcatore trevigiano. Lo stesso ci prova pure all’ultimo minuto, ma la traversa respinge il suo tentativo e porta in parità sul 9-9 le due squadre al riposo.
La ripresa non inizia bene per il Benetton con un “in avanti” di capitan Pavanello che concede una mischia pericolosa appena fuori dai ventidue ai catalani.
La palla viene, tuttavia, rubata da Paul Derbyshire che imposta un’azione d’attacco per i suoi che scaldano l’atmosfera del secondo tempo.
Passa un solo minuto, però, ed è ancora Porical a provare una folata offensiva mettendo in difficoltà i Leoni tagliando tutto il campo, ma venendo alla fine placcato in rimessa laterale.
Nemmeno un giro d’orologio, comunque, ed il Perpignan trova la marcatura pesante, con un bell’avanzamento in maul che porta Le Corvec oltre la linea di meta.
Treviso reagisce subito e crea una grande azione al 9′ con Benjamin De Jager che fa il vuoto, ma non si avvede della presenza di Ezio Galon all’esterno e di Paul Derbyshire all’interno e decide di calciare in area invece che passare alla mano. L’azione sfuma con il calcio di Laharrague che salva e sventa la minaccia.
Di nuovo De Jager rischia grosso al 12′ quando placca in ritardo e di spalla Sid, ma l’arbitro lo sanziona solamente con un calcio di punizione che Porical fallisce malamente, lasciando lo score invariato.
Al 16′ di nuovo Sid grande protagonista. L’ala del Perpignan sguscia tra le maglie avversarie e arriva fino al centro dei pali per la seconda meta della formazione di Brunel.
Il Benetton subisce in colpo e la formazione ospite prova ad aumentare il divario. Al 20′ Laharrague fa il break e riesce a riprendere al volo con un calcio il pallone, scavalcando Ludovico Nitoglia e resistendo poi al placcaggio di Brendan Williams per la terza meta.
Nel finale di gara gli ospiti dilagano e trovano il bonus con la doppietta di Candelon, che fissa il risultato finale sul 9-44.

BENETTON TREVISO – USA PERPIGNAN 9-44 (p.t. 9-9)

BENETTON TREVISO: Williams; Nitoglia, Galon, Garcia, De Jager (st 17′ Sgarbi); De Waal, Botes; Derbyshire (st 24′ Vosawai; st 33′ E. Pavanello), Vermaak, Filippucci; Bernabò (st 10′ Van Zyl), A. Pavanello; Di Santo (st 10′ Cittadini), Sbaraglini (st 10′ Ghiraldini), Fernandez Rouyet (st 10′ Rizzo). A disp.: Semenzato. All. Smith.

USA PERPIGNAN: Porical (st 33′ Michel); Sid, Marty (st 22′ Grandclaude), Mermoz, Candelon; Laharrague, Mélé (st 24′ Cazenave); Tuilagi (st 11′ Chouly), Perez, Le Corvec; Vilaceca, Olibeau (st 28′ Alvarez-Kairelis); Mas (st 24′ Bourrust), Tincu (st 11′ Guirado), Freshwater (st 21′ Pulu). All. Brunel.

MARCATORI: pt 7′ Porical p.; 13′, 25′ e 28′ De Waal p.; 30′ e 34′ Porical p.; st 6′ Le Corvec meta tr. Porical; 16′ Sid meta tr. Porical; 20′ Laharrague meta tr. Porical; 32′ Candelon meta tr. Porical; 40′ Candelon meta. 

Arbitro: Lewis della Federazione Irlandese

Heineken man of the match: David Marty (USA Perpignan)
Calci: Benetton Treviso (De Waal 3/3), USA Perpignan (Porical 6/8)
Punti in classifica: Benetton Treviso 0, USA Perpignan 5
Spettatori: 4000 circa

Interviste a Franco Smith e Valerio Bernabò:

E’ sereno nonostante la sconfitta odierna contro Perpignan, il tecnico del Benetton Treviso Franco Smith, soddisfatto per la prova dei suoi nei primi quaranta minuti di gioco.

“Nel primo tempo abbiamo tenuto molto bene il campo e la palla in mano – commenta l’allenatore sudafricano – E sono contento di quanto fatto dai miei ragazzi a livello di organizzazione ed intensità.
Abbiamo lavorato molto per cercare di segnare e se c’è una pecca è proprio quella di non essere riusciti a concretizzare ed è lì che in effetti dobbiamo migliorare.
E’ stata comunque una vera partita di rugby e a cambiare davvero le cose è stata una nuova e ritrovata motivazione ed impegno da parte loro”.

In effetti la seconda frazione ha visto i catalani irresistibili, con un parziale shock di 0-35.

“Hanno segnato la prima meta e poi hanno iniziato a credere all’obiettivo. Mi è sembrato di vedere la stessa partita della settimana scorsa contro l’Ulster a tempi invertiti.
Una volta alzata l’intensità ed il ritmo hanno visto ad un passo i quarti di finale di Heineken Cup, mentre noi eravamo in qualche modo senza motivazioni.
In generale comunque sapevamo delle difficoltà e il nostro obiettivo resta quello di mantenere un livello buono per tutto l’anno e di arrivare a migliorarci attraverso la continuità”.

Il periodo post Sei Nazioni in tal senso potrebbe dire la verità sulle potenzialità dei Leoni anche per la fase finale della Magners League.

“Quello che voglio dai miei giocatori è freschezza mentale e fisica e sono sicuro che più andremo avanti più ci sarà consistenza anche a livello di selezione.
Dobbiamo continuare a giocare e a migliorarci per arrivare a poter reggere tutti lo stesso ritmo. Da qui la crescita sarà naturale”.

Decisa e senza scuse anche l’analisi del seconda linea biancoverde Valerio Bernabò.

“Nel primo tempo abbiamo applicato in pieno il piano di gioco studiato e provato in allenamento, cercando di costringerli a calciare e non a contrattaccare.
Siamo rientrati negli spogliatoi molto fiduciosi e poi non so spiegarmi cosa sia successo. La meta subita con maul probabilmente un po’ c’ha tagliato le gambe e forse in qualche modo in certe occasioni serve più malizia da parte nostra.
Nella ripresa Perpignan ha cambiato intensità e noi abbiamo pagato la loro costante ricerca del gioco aperto. Comunque non vogliamo cercare scuse, ma ripartire con lo stesso spirito di sempre.
Scendiamo sempre in campo per portare a casa la vittoria, ben consapevoli di avere avversari di valore contro. Oggi loro avevano una mischia ed una rimessa laterale esperte e, per così dire, di mestieranti.
Il nostro obiettivo resta comunque quello di vincere e di creare qualcosa di importante, anche per i nostri tifosi che ringrazio per il sostegno che ci danno, sperando di tornare presto a gioire con loro”.

Articolo e interviste tratte dal sito web del Treviso

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

1 Commento

  • Durante il primo tempo mi ero illuso e temo che il tracollo trevigiano sia più mentale che fisico. Peccato!
    la meta di Nicolas Laharrague è valsa da sola il prezzo del biglietto.

Rispondi a Giulio 3 X

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi