Australia Emisfero Sud Super Rugby XIII

In Australia tutti vogliono Greg Inglis, o forse no?

Scritto da Manuel Zobbio

Continua la caccia ai migliori giocatori della rugby league australiana da parte dei Melbourne Rebels, tornati a corteggiare Greg Inglis (classe 1987, 195 cm per 99 kg), stella già in odore di NFL. Dopo aver dato vita ad una quinta franchigia nel regno dell’Aussie Rules, l’ARU sferra così una sorta di offensiva nei confronti di uno sport, il XIII, visto come un rivale ingombrante e molto pericoloso in termini di attenzione di pubblico, media e investitori. Una battaglia, quelle tra le tre discipline della palla ovale, che vede al centro proprio Inglis, in trattativa da tempo con Souths Sydney (XIII), ma intenzionato – almeno secondo quanto detto ad Essendon – a misurarsi con il football australiano. Considerato uno dei migliori giocatori di League al mondo, con l’invidiabile primato di una meta in ogni partita giocata con l’Australia e per Queensland, il 23enne Inglis viene però considerato il sostituto ideale per Stirling Mortlock, un sostituto potenzialmente più forte fisicamente, più veloce e ancor più abile nella trasmissione del pallone.

A rendere possibile il suo trasferimento al XV, manco a dirlo, problematiche di natura economica: l’adeguamento al salary cap dei Melbourne Storm (e il relativo scandalo) rende infatti il suo stipendio un lusso da tagliare, ma lo stesso problema si presenta anche a Sydney, dove la NRL pare non voglia dare l’ok all’accordo triennale già trovato tra lui ed i Souths. Ingaggiare Inglis renderebbe poi necessario tagliare almeno un’altra stella della rosa, un sacrificio che potrebbe anche non bastare vista una richiesta da oltre 500mila euro a stagione (700mila dollari australiani per l’esattezza). Una cifra che sborserebbe senza troppi problemi  Essendom, ma non da subito: l’eventuale trasferimento all’Aussie Rules dovrebbe passare infatti per un contratto da ‘rookie’, con condizioni economiche decisamente meno importanti.

Una situazione di stallo da cui i Rebels potrebbero uscire vincenti, sempre però che a Melbourne riescano a trovare uno sponsor pronto a sobbarcarsi almeno parte dell’ingaggio, in quanto l’Australian Rugby Union non sembra intenzionata ad offrirgli un contratto da Wallabies: «Non abbiamo avuto contatti con Greg Inglis o il suo manager e non è nel nostro radar», ha spiegato un portavoce dell’ARU. L’interesse c’è eccome, però, da parte di Rod Macqueen, tecnico dei Rebels, che pur smentendo ogni contatto con Inglis, non ha escluso che questo possa succedere a breve. Il giocatore intanto è volato a Melbourne mercoledì, ma per incontrare James Hird, allenatore di Essendon, sebbene le cronache parlino di contatti avviati tra la dirigenza dei “ribelli” e l’agente Allan Gainey.

Una prospettiva che proprio non piace al mondo del XIII, secondo cui perdere un giocatore del suo calibro – parole di Todd Carney, n.10 dei Sydney Roosters – sarebbe una ferita per la NRL, ma anche per Queensland e per i Souths. La perdita di un personaggio del suo calibro rappresenterebbe infatti una perdita in senso generale, per lo spettacolo e per il pubblico. Un punto di vista totalmente diverso rispetto a quello dei Rebels, che si sfregano le mani all’opportunità di ingaggiare un atleta più grande e forte di Sonny Bill Williams, un personaggio che non smette di far parlare di se nel mondo della League (bacino di pubblico in cui la nuova franchigia vorrebbe attingere), che emoziona i tifosi e rappresenta una vera e propria star di culto per le comunità aborigene.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi