Rugby Internazionale

La Russia sceglie la via autarchica

Scritto da Manuel Zobbio

Decisiva è stata la sconfitta con l’Uruguay alle qualificazioni per la Rugby World Cup 2015, il francese Raphael Saint-Andre, fratello del Saint-Andre c.t. della Francia, è stato sollevato dall’incarico di head coach della Russia. A darne la notizia è stata ieri la stessa Russian Rugby Federation attraverso il sito ufficiale www.rugby.ru

In carica da maggio, Saint-Andre ha collezionato uno score di 4 vittorie e 4 sconfitte nel corso della sua breve gestione, ma l’ex ct dell’Ungheria (2012-2014) potrebbe comunque rimanere come consulente dello staff tecnico. Al suo posto sulla panchina della Nazionale siederà invece Alexander Pervukhin, che da alcuni anni guida lo Yenisey-STM club di Krasnoyarsk, la vera capitale del rugby russo, che ha guidato alla conquista di sei titoli nazionali.

Con un budget di 3,5 milioni di euro lo Yenisey-STM è il secondo club più importante del Paese e vanta numerosi internazionali russi, ma anche georgiani, ucraini, lituani e khazaki. Recentemente nelle fila del club ha militato per un paio di stagioni anche il neozelandese Ryan Bambry, ex Prato e Venezia, che nel 2012 era stato anche uno dei papabili per la maglia n.10 degli orsi, assieme al connazionale John Dodd del Krasniy Yar, ma Kingsley Jones, il c.t. che aveva preceduto proprio Saint-André, aveva preferito evitare il ricorso a giocatori equiparati.

Difficile che Alexander Pervukhin possa conservare il doppio ruolo, la scelta dovrebbe essere sua, ma non mancheranno le pressioni da parte dei club rivali: i VVA-Saracens (già VVA-Podmoskovye) il club più ricco di Russia, club di base a Monino e direttamente affiliato al Network dei Saracens, ed i cugini del Krasny Yar, squadra anche questa di Krasnoyarsk, che si distingue per la dimensione più globale, nelle cui fila militano attualmente gli ex Viadana Scott Cowan, recentemente ingaggiato al posto del connazionale Toby Morland, e Craig Clare. Nonché John Dodd e l’estremo Glen Horton, ex Southland ed Highlanders di Super Rugby anche lui.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi