Italia Italia Top 12 Rumors

Lance Persico verso Padova?

Si muove sottotraccia il mercato dei campioni d’Italia. I tuttineri padovani starebbero pensando a Lance Persico, flanker italo-neozelandese, per rinforzare il proprio pacchetto di mischia. Reduce da due buone stagioni con la maglia della Rugby Roma, il 29enne (185 cm x 96 kg) potrebbe essere il primo rinforzo del Petrarca.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

8 Commenti

  • Non facciamo suspence dove non c’è e cerchiamo di dire le cose come stanno, a differenza di quello che da sempre fanno i giornali della mia città, asserviti al Petrarca al 100%.

    Lance Persico e Candiago hanno già l’accordo col Petrarca.

    Arriverà un allenatore australiano dallo staff dei Queensland Reds; chissà se ne vedremo delle belle nel rapporto con Presutti, che anche quest’anno ha trovato il modo di litigare. Dopo Graham e Roux, è toccato a Bot. Per cosa credete che il preparatore si sia dimesso? Per lo scudetto vinto è meglio che ringraziamo Beda, i giocatori e nessun altro!

  • Bravo A.C. avevo scritto la stessa cosa,conoscendo presutti ha trovato un capro spiatorio,se le cose vanno male colpa del Australiano,anche queste anno quando le cose non andavano era colpa di tutti tranne sua!!!!!!!!vedrete,bisogna ringraziare Beda e giocatori che contra la negativita di presutti e la sua incapacita,hanno continuato ad andare avanti

  • Faccio anche notare che parecchi tifosi del Petrarca, meno di un mese prima della finale scudetto, su vari forum ovali italiani andavano giù pesante verso i giocatori (definiti brocchi) e l’allenatore (definito antiquato). Il giorno dopo la finale vinta, invece, ecco rigirata la frittata e supercomplimenti a Presutti, addirittura esaltato come allenatore tra i migliori d’Italia.
    Un po’ di coerenza, cari miei. Anche da queste cose si meritano e si legittimano le vittorie!

  • @A.C. e @padovano
    Considerazioni, le vostre, che lasciano molto il tempo che trovano. A prescindere che si capisce lontano un miglio che Presutti non vi é simpatico, a me risulta tutt’altro.
    1. Buttare fango addosso a giocatori e tecnico si fa presto quando la squadra va male, ma non é vero che la frittata é stata rigirata dopo la finale con il Rovigo. Il Petrarca di Presutti ha avuto una svolta determinante già a Marzo e, incontro con il Futura Park a parte, il finale di campionato é stato sicuramente pregevole. Non dimentichiamoci che tutti i pronostici erano per il Rovigo già molto prima del 28 Maggio, ma fisicamente, tecnicamente e mentalmente il Petrarca si è dimostrato superiore (andatevi a vedere le semifinali del Rovigo e confrontatele con quelle del Petrarca).
    2. Graham era stato chiamato per fare l’allenatore e la società, prima che le cose si mettessero al peggio (e lo erano già) ha richiamato Presutti al ruolo di allenatore in prima: e i risultati si sono visti.
    3. Polla é stato allievo di Presutti e quando ha manifestato la volontà di voler essere il primo allenatore, la società gli ha detto “no grazie”. A Rovigo ha fatto un buon lavoro (si é visto), ma gli manca ancora un pò di “diplomazia” e perciò gli servirebbe ancora un pò di scuola con il suo vecchio maestro.
    4. Non mi risulta che nè Bot né Beda abbiano litigato con Presutti, tantomeno i giocatori (semmai qualcuno ce l’ha con la Società). Andatevi a vedere cosa dice Beda nel nostro blog. Luca BOT invece ha chiesto di essere lui il primo allenatore del Petrarca: la società gli darà una risposta, così come se (ma dubito) arriverà l’australiano (avete in mente in termini di costi cosa significa, rispetto a quello che danno a Presutti?). Se sarà chiamato a dirigere tutto il settore giovanile, non credo debba interferire con il lavoro di Presutti. Diversamente se la Società decidesse di affiancarlo a Presutti, in questo caso Pasquale (che non ha bisogno di avere uno che gli insegna come si allena)gli lascerebbe totale campo libero. Mi pare anche logico, alla sua età!
    5. Il mercato: ok, Persico ci sta (Galatro se ne andrà e uno più giovane e bravo ci fa comodo), ma Candiago? Da che parte vi arriva questo rumors?
    Per finire: se dovete criticare, fatelo almeno con spirito costruttivo (e non é vero che tutti i giornali padovani sono 100% asserviti al Petrarca).

  • La tua partigianeria si commenta da sola. La tua inattendibilità pure. D’altronde basta guardare quello che scrivi sul tuo blog…

  • @ per te che non ti firmi.
    Semplicemente tifoso del Petrarca, non detrattore! E non mi pare che essere partigiani sia un difetto, quando difendi posizioni ed idee in cui credi! Critico anche, se vuoi, ma costruttivo. Se vuoi contribuire a migliorare ciò che scriviamo, il blog del Boccaccio é aperto a tutti (anche agli anonimi). Anche a te, dunque. Non siamo schierati e ognuno scrive quello che pensa, nel rispetto delle persone e dei fatti. Spero quindi di leggerti presto.
    Buon rugby!

  • CARI A.C. E PADOVANO SE LE COSE AL PETRARCA NON VANNO COME DOVREBBERO E’ ANCHE GRAZIE A GENTE COME VOI ….SEMPRE PRONTA A SPUTARE SENTENZE E CRITICARE….!!PRIMA DI FARE COME I CALCIATORI SEMPRE PRONTI AL GOSSIP O AI PETTEGOLEZZI O COME CHI PENSA DI ESSERE SPORTIVO SOLO PERCHE’ LEGGE LA GAZZETTA DELO SPORT ……..INFORMATEVI BENE E,PLEASE, EVITATE DI SCRIVERE CAZZATE!GRAZIE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi