Rugby Internazionale

L'INGHILTERRA SOFFRE CONTRO LA SCOZIA

L’Inghilterra rimane saldamente in corsa per il titolo dell’RBS 6 Nations ma ha dovuto soffrire più del dovuto per mantenere vive le speranze di Grande Slam per vincere 22-16 contro la Scozia nella Calcutta Cup.

Un primo tempo equilibrato si chiude sul nove pari, con Toby Flood, Chris Patersone e Ruaridh Jackson a scandire il tempo dalla piazzola e con un drop dell’apertura scozzese.

Nella ripresa Flood permette l’allungo inglese prima della meta di Tom Croft che sembra chiudere il match.

Ma una meta di Max Evans riapre i giochi prima del calcio decisivo di Jonny Wilkinson che chiude il discorso.

Dopo la sorpresa romana, con l’Italia che supera la Francia, a Twickenham è la Scozia a voler rimescolare carte e valori offrendo una prova di coraggio che, però, si infrange contro scelte sbagliate e un’incapacità di esserci nei momenti decisivi del match.

L’avvio vede subito Paterson portare avanti la Scozia grazie a una punizione fischiata da Roman Poite, ma l’Inghilterra domina in mischia e dopo un primo errore Flood si vendica e riporta in
pareggio l’incontro.

Sempre Paterson e Flood vanno per i pali, anche se l’Inghilterra sembra poter spingere di più, ma la Scozia si difende e ruba diverse palle, annullando la pericolosità di Chris Ashton.

Proprio la mischia permette all’Inghilterra di passare avanti al 31′ con l’ennesima punizione di Flood, ma proprio mentre l’Inghilterra sembra poter chiudere il primo tempo in vantaggio ecco che allo scadere è Jackson che trova il drop del pareggio.

La ripresa inizia con Mike Tindall che resta in panchina per Matt Banahan, mentre poco dopo è Kelly Brown a dover uscire in barella dopo una brutta botta presa da Tom Wood, con Richie Vernon che entra in campo..

Gli scozzesi non vengono certo aiutati dal giallo preso da John Barclay e Flood allunga con la successiva punizione.

Il vantaggio numerico non sembra venir sfruttato dall’Inghilterra che fatica a creare occasioni e quando le ha, con Foden, trova un eroico Paterson a respingere l’offesa a un passo dalla meta.

Meta che arriva quando Barclay torna in campo, con l’ovale che si muove velocemente e Cueto serve Croft che supera Dan Parks per schiacciare in meta. Converte Wilkinson e l’Inghilterra sembra chiudere il match sul 19-9.

Ma la Scozia non è mai morta e a pochi minuti dalla fine è Max Evans a trovare uno dei pochi spazi disponibili in tutto il match, marcare la meta e riportare gli ospiti a soli tre punti dall’Inghilterra.

Ma si sa, quando serve, Wilko c’è. Prima ha sbagliato malamente un drop, poi, però, quando serve ecco che non sbaglia un piazzato facile. Più sei per l’Inghilterra e tutti a casa.

INGHILTERRA – SCOZIA 22 – 16 (p.t. 9-9)

Domenica 13 marzo, Twickenham

Inghilterra: 15 Ben Foden, 14 Chris Ashton, 13 Mike Tindall (c), 12 Shontayne Hape, 11 Mark Cueto, 10 Toby Flood, 9 Ben Youngs, 8 Nick Easter, 7 James Haskell, 6 Tom Wood, 5 Tom Palmer, 4 Louis Deacon, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley, 1 Alex Corbisiero.
A disposizione: 16 Steve Thompson, 17 Paul Doran-Jones, 18 Simon Shaw, 19 Tom Croft, 20 Danny Care, 21 Jonny Wilkinson, 22 Matt Banahan.

Scozia: 15 Chris Paterson, 14 Simon Danielli, 13 Joe Ansbro, 12 Sean Lamont, 11 Max Evans, 10 Ruaridh Jackson, 9 Rory Lawson, 8 Kelly Brown, 7 John Barclay, 6 Nathan Hines, 5 Alastair Kellock (c), 4 Richie Gray, 3 Moray Low, 2 Ross Ford, 1 Allan Jacobsen.
A disposizione: 16 Scott Lawson, 17 Geoff Cross, 18 Richie Vernon, 19 Alasdair Strokosch, 20 Mike Blair, 21 Dan Parks, 22 Nick De Luca.

Marcatori: 3’ c.p. Paterson; 15’ c.p. Flood; 20’ c.p. Paterson; 24’ c.p. Paterson; 30’ c.p. Paterson; 57’ c.p. Flood; 67’ m. Croft tr. Wilkinson; 73’ m. Evans tr. Paterson; 79’ c.p. Wilkinson.

Dal sito rbs6nation.com

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi