Italia Italia Top 12

Marco Coletti dice “arrivederci” al Rugby San Donà

Scritto da Manuel Zobbio

Marco Coletti, pilone destro in forza alla Lafert San Donà nelle ultime due stagioni sportive, ha comunicato alla società che la partita di sabato prossimo, ultima di campionato in programma al Pacifici contro L’Aquila Rugby Club, sarà la sua ultima partita da giocatore professionista. Con questa decisione, Coletti pone fine alla sua carriera sportiva, iniziata proprio nelle giovanili del Rugby San Donà e proseguita nel corso degli ultimi 13 anni nei più importanti club di rugby italiani.

Marco Coletti
Marco Coletti, classe 1984, ha mosso i primi passi nel mondo del rugby all’età di 6 anni nel vivaio del San Donà dove è rimasto fino ai 18 anni, maturando numerose presenze nelle nazionali di tutte le categorie giovanili. Nel 2003 inizia la sua carriera nella più alta divisione nazionale con la maglia dell’Overmach di Parma, per poi militare nelle fila dei Crociati, del Gran Rugby Parma, del Calvisano e del Viadana. Nel 2006 vive la sua prima esperienza all’estero, in Francia, per il Section Paloise di Pau, squadra che all’epoca partecipava al campionato nazionale di seconda divisione Pro D2. Nel 2014, ritorna a casa al San Donà dove da due anni ricopre il ruolo di pilone. Giocatore, quindi, d’esperienza, che ha ricoperto tutti e tre i ruoli di prima linea, Marco ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo giocando la 147esima partita della sua carriera contro L’Aquila nell’ultima giornata del campionato corrente. Non si tratta, però, di un addio ma di un arrivederci, dato che Coletti ha dato la sua disponibilità a rimanere nell’organico della società già a partire dalla prossima stagione.

Come riassumeresti la tua carriera da sportivo professionista? «È stata un’esperienza unica, ogni anno mi ha riservato nuove e gradite sorprese. Ho avuto la fortuna di giocare per 6 squadre diverse, incontrando sempre ottimi compagni e avversari, e vivere, nel bene e nel male, anche l’evoluzione di questo sport che oggi trovo molto diverso rispetto ai miei inizi».

Cosa ti mancherà più? «Se avessi deciso di chiudere definitivamente, sono sicuro che mi mancherebbe qualsiasi cosa di questo mondo, ma non ho intenzione di andarmene ma solo di saltare dall’altra parte della linea di campo e dedicarmi a compiti più compatibili con i miei impegni lavorativi e personali, magari come tecnico».

A questo proposito, che intenzioni hai per la prossima stagione sportiva? «Mi piacerebbe poter entrare a far parte dello staff tecnico della società, dato che ho intenzione di diventare allenatore, iniziando ovviamente dalle giovanili. Mi ritengo una persona molto altruista e, anche se era già un mio desiderio, molti colleghi sportivi mi hanno incoraggiato e consigliato a proseguire in questa direzione».

Ti sarebbe piaciuto giocare in altri ruoli? «Se fossi stato alto e biondo probabilmente sì..in realtà no! Ho giocato sia come pilone che come tallonatore, e come dico sempre “noi in prima linea viviamo di soddisfazioni non ricambiate”: il nostro è un lavoro di tecnica e di fatica, che spesso porta ad azioni virtuose, anche se poi tecnicamente sono i compagni ¾ ad andare in meta e ottenere gli applausi del pubblico o la nomina del Man of the Match».

Quali sono i ricordi più belli? «Nelle mie prime partite in Eccellenza, ho incontrato Massimo Cuttitta. Dopo essercele date di santa ragione, durante un terzo tempo mi ha detto “tecnicamente manca ancora, ma fisicamente ci siamo”. E poi, quando giocavo con l’Overmach di Parma, mi sono trovato di fronte Jean Jacque Crenca. Non lo conoscevo e non sapevo ancora, nonostante i miei compagni mi avessero avvisato, che fosse una leggenda del rugby francese. Abbiamo giocato diverse mischie in quella partita, almeno cinque o sei, e lui mi ha sempre messo in difficoltà. Abbiamo perso, credo, ma è stata una delle partite più belle che abbia mai giocato».

Vuoi ringraziare qualcuno? «I miei ringraziamenti vanno a tutte le persone che ho incontrato in questo percorso. Alla società sandonatese, in particolare, ai miei compagni di squadra, ai tifosi, ai sostenitori e agli sponsor che in questi anni mi hanno seguito, sostenuto e fatto crescere. Spero di poter ricambiare quello che ho ricevuto dal mondo del rugby in questi anni già a partire dalla prossima stagione».

 

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi