Australia Emisfero Sud Super Rugby

Rebel, né Elsom né Robinson

Rocky Elsom ha confermato mercoledì di non voler esercitare la clausola rescissoria presente nel contratto biennale siglato l’anno scorso e di restare quindi a Canberra per giocare con gli ACT Brumbies anche nel 2011. Inizialmente il capitano degli Wallabies aveva informato la dirigenza di voler attendere di conoscere lo staff tecnico, viste le imminenti partenza dell’allenatore degli avanti Owen Finegan e dello specialista della mischia Bill Young, ma l’arrivo di Justin Harrison e Marco Caputo in tali ruoli l’ha finalmente convinto, secondo quanto annunciato dal boss della franchigia, Andrew Fagan, che si è detto fiducioso sul fatto che Elsom potrà giocare meglio al prossima stagione, ora che conosce la squadra, e che il giocatore gli avrebbe espresso l’intenzione di giocare per i Brumbies (a cui al momento restano solo 4 posti liberi per la squadra 2011) anche dopo la World Cup qualora scegliesse si fermarsi in Australia.

Originario di Melbourne, il 27enne terza linea e leader dell’Australia, non giocherà quindi per i Rebels, che negli ultimi giorni hanno annunciato l’ingaggio di Nic Henderson (29 anni, 3 caps) in arrivo da Western Force e loro terzo pilone (gli altri sono Greg Somerville e Laurie Weeks), ma si sono visti sfuggire Benn Robinson che ha preferito rinnovare con gli HSBC Waratahs e la New South Wales Rugby Union, dopo aver trovato un accordo con l’ARU per i prossimi tre anni. Dopo aver saltato la parte finale del Super 14 2010 a causa di un braccio rotto Robinson, considerato uno dei pochi piloni australiani di livello mondiale, ha detto di essersi davvero dispiaciuto di non poter dare il proprio contributo nelle partite decisive e di aver avuto la sensazione che questa squadra possa davvero ambire alla conquista del titolo. Il numero 1 degli Wallabies ha quindi voluto continuare a far parte di una squadra in crescita, che secondo lui nel 2011 potrà realmente ambire alla vittoria del Super 15.
L’ennesimo no incassato dai Melbourne Rebels potrebbe quindi creare le basi per un secondo terremoto all’interno del management della nuova franchigia, dopo le dimissioni di Brian Waldron, coinvolto nello scandalo legato alle ripetute violazioni del salary cap da parte dei Melbourne Storm in NRL. Questa volta però la questione è puramente tecnica, mentre Rod Macqueen continua a predicare di voler costruire la squadra attorno a giocatori con le giuste motivazioni, la squadra è quasi del tutto fatta (ci sarebbe già l’accordo con 26 giocatori a fronte di 33 posti disponibili), ma la squadra sembra competitiva solo sulla carta. Nonostante la concessione da parte dell’ARU di una serie di norme sugli ingaggi decisamente favorevoli, sono molti infatti i punti interrogativi in merito alla capacità di certi giocatori di reggere l’impatto con il Super Rugby (alcuni sono considerati dalla stampa a fine carriera, altri troppo giovani), ma soprattutto secondo il quotidiano locale The Age mancherebbe ancora il “fattore wow”, in grado di attrarre davvero quella grande massa di spettatori che gli investitori si aspettano.
Confermato Rocky Elsom i Brumbies nel frattempo potrebbero riabbracciare un altro grande campione: l’indimenticato mediano d’apertura Stephen Larkham che a 36 anni continua ancora a giocare in Giappone con i Ricoh Black Rams. Geoff Larkham, suo padre e presidente dell’ACT Rugby Union, gli avrebbe infatti proposto il posto vacante di responsabile tecnico dell’attacco dei Brumbies. Incarico che potrebbe assumere tra qualche mese alla scadenza del contratto con i nipponici, sempre che questi non mettano sul piatto un’altra offerta di quelle economicamente impareggiabili per il rugby australiano.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi