PiazzaRugby

Recco vince, ma sfuma il sogno della finale

Scritto da Manuel Zobbio

Il saluto dei giocatori del Recco • stagione da incorniciare e qualche rammarico All’Aircom Pro Recco Rugby non basta il 23° risultato utile consecutivo al Carlo Androne, dove nessun avversario riesce a vincere da ormai due anni: nonostante il 33-29 inflitto ai Lyons Piacenza nella semifinale di ritorno dei play off di serie A, sono gli emiliani a staccare il biglietto per la finale nazionale di categoria, in virtù della miglior differenza punti maturata nell’incontro di andata. Un successo con l’amaro in bocca per quanti hanno un legame ormai di sangue per la maglia bianco-azzurra, come il talento di casa Christian Becerra, utility back che si è preso sulle spalle e nel migliore dei modi anche la responsabilità di piazzare vista la non miglior condizione di Agniel, lo stesso Bastien Agniel che da anni è ormai la stella della squadra e che ha stretto i denti per esserci, e il gigante Matteo Orlandi. Uno che ha lasciato Lecco per Recco e il lago per il mare ormai da qualche anno, che in questa squadra si trova a casa, ma non dimentica partita dopo partita di sudare la pagnotta ed è sempre tra i migliori. Uomo ovunque, domenica non si è accostato di faticare, ma ci ha pure messo del suo con una meta. Non è bastata, come non è bastato il sacrificio di Mirco Rapone, pilone destro da categoria superiore, che da mesi sopperisce all’assenza di seconde linee rispondendo obbedisco alle esigenze della squadra, ma che non vede l’ora della prossima mischia, li davanti, magari in coppia con Enrico Cafaro, che la davanti, ovunque lo metti, il suo lo garantisce sempre e fa anche di più. A tutti loro va il nostro abbraccio, abbraccio che estendiamo anche a Santiago Gonzalez, estremo dal gran fiuto per la meta, che con noi non lavora più direttamente, ma arrivato in Italia con Piazza Rugby. A lui e a tutti i ragazzi, compreso il giovane Alessio Casareto, che probabilmente impazzirà a non poter più essere parte della leggendaria mischia del Recco.
Ragazzi sarà per un’altra volta… anche  noi però ci avevamo sperato, speravamo di poter brindare ad una promozione che Recco merita come società e celebrare così un vecchio amico che la partita l’ha vista da lassù..

La cronaca:

Il numeroso ed appassionato pubblico accorso al campo recchelino ha assistito ad una partita bella ed intensa tra due squadre di ottimo livello, che si sono affrontate a viso aperto dal primo all’ultimo minuto di gioco.
Nel primo tempo per i padroni di casa tante occasioni ma grosse difficoltà a concretizzarle, mentre gli ospiti, condotti ancora una volta dal numero 10 Barraud e dal suo piede (oggi per lui 6/6 dalla piazzola), hanno chiuso il primo parziale in netto vantaggio (7-22). Nel secondo tempo però la musica cambia: gli Squali sono più incisivi, non mollano mai e arrivano mete, punti ed una meritata e bellissima vittoria.
Il punteggio finale di 5-1 pareggia quello conseguito dai Lyons al Beltrametti sette giorni fa, ma lo scarto di soli 4 punti contro i 15 di vantaggio dei piacentini nella partita di andata, da sì che siano questi ultimi a qualificarsi per la finale, che giocheranno il 1 giugno contro L’Aquila.

Parte bene il Recco e arriva subito una meta di punizione per un placcaggio senza palla sull’uomo chiaramente lanciato in meta, trasformata da Becerra (oggi per lui 4/5, tutte trasformazioni). Poi per gli Squali si apre una lunga fase di sofferenza, nella quale non riescono a mettere a frutto le occasioni costruite e vengono al contempo puniti dalla concretezza dei Lyons: un calcio di Barraud, una meta di Benelli, un drop di Missaglia e una meta di Albertini fissano il parziale sul 7-20.
Il punteggio diventa ancora più in salita per gli Squali in apertura di ripresa, con un altro piazzato di Barraud. Villagra e i suoi ragazzi però non mollano: qualificazione o meno, c’è una partita importante da provare a vincere. E la musica in campo cambia: va in meta Gonzalez, poi Barraud risponde dalla piazzola, va in meta Orlandi, e ancora il francese dei Lyons risponde, poi solo Recco e arrivano anche le marcature di Torchia e Gonzalez; Becerra ne trasforma 3 su 4 e per i biancocelesti e il loro pubblico arriva una bellissima vittoria. Sul finale i Lyons hanno una palla da piazzare o per attaccare ancora, ma un’eventuale ulteriore meta dei padroni di casa significherebbe la perdita del bonus difensivo e della qualificazione, quindi Barraud calcia prudentemente fuori e fa sì che l’arbitro Bertelli fischi la fine dell’incontro.

Un dispiaciutissimo coach Villagra, a fine partita ha solo elogi per la sua squadra: “Non essere arrivati in finale brucia tanto adesso, ma non avrei potuto chiedere e volere di più dai ragazzi: la stagione è stata dura e piena di infortuni, queste semifinali non le abbiamo giocate con la rosa al completo e diversi giocatori, pur in campo, non erano al meglio. Nonostante tutto, siamo arrivati secondi, abbiamo raggiunto ancora i play off e abbiamo giocato due partite di semifinale di ottimo livello, contro un avversario forte e completo: abbiamo quasi fatto un miracolo e siamo fierissimi di quello che siamo riusciti a fare”.

—————

Aircom Pro Recco-Sitav Lyons Piacenza 33-29 (p.t 7-20) (punti 5-1)

Marcatori: p.t.: 3′ meta di punizione tr Becerra 7-0, 5′ cp Barraud 7-3, 10′ meta Benelli tr Barraud 7-10, 20′ drop Missaglia 7-13, 40′ meta Albertini tr Barraud 7-20.
S.t.: 6′ cp Barraud 7-23, 13′ meta Gonzalez tr Becerra 14-23, 15′ cp Barraud 14-26, 28′ meta Orlandi tr Becerra 21-26, 33′ cp Barraud 21-29, 39′ meta Torchia 26-29, 40′ meta Gonzalez tr Becerra 33-29.

RECCO: Gonzalez, Neri (29′ st Torchia), Becerra, Bisso (17′ st Tassara), D’Agostini, Agniel, Villagra, Salsi, Vallarino, Orlandi, Rapone, Narcisi, Sciacchitano, Noto (22′ st Bedocchi), Casareto (10′ st Cafaro).
A disposizione: Maggi, Rosa, Cinquemani, Galli
Allenatore: Villagra

PIACENZA: Rossi, Albertin, Mortali, Gherardi, Missaglia, Barraud, Alfonsi, Barroni, Sciacca, Benelli 27′ st Bance), Fornari, Baracchi, Paoletti (27′ st Co’), Wahabi (9′ st Parmigiani), Ferri.
A disposizione: Silvestri, Prette, Via, Montanari, Cammi
Allenatore: Rolleston- Baracchi

Arbitro: Bertelli (Brescia)
g.d.l.: Russo (Milano), Sorrentino (Milano)
quarto uomo: Filizzola (Milano).

Cartellini: 35′ st giallo Sciacca (Lyons), 39′ st giallo Albertin (Lyons)

Calciatori: Becerra (Recco) 4/5 trasf.; Barraud (Lyons) 6/6: 4/4 c.p., 2/2 trasf.

Note: Gara di andata 39-24 (5-1): i Lyons Piacenza accedono alla finale per differenza punti.
Ultima partita in carriera per il pilone del Recco Alessio Casareto.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi