Italia Rumors Serie B

Rieti, campionato a rischio?

Scritto da Manuel Zobbio

Andrea Pegoretti, accusato di fomentare la rivolta stando a quanto riportato dalla stampa locale

Terremoto in casa Arieti, si è dimesso il presidente Tito Capriccioli. Lo scontro frontale tra giocatori e società ha portato il numero uno del club di viale Fassini alla decisione di lasciare. Proprio Capriccioli era finito sul banco degli imputati per non aver completato il pagamento dei rimborsi ad alcuni giocatori e ad alcuni elementi dello staff tecnico, ma anche per essere stato – a detta dei ragazzi – il primo responsabile di una gestione che non tutelerebbe il movimento rugbistico locale. Nel corso del vertice societario tenutosi martedì sera, Capriccioli ha deciso di lasciare dopo cinque anni alla guida del club, ma avrebbe comunque garantito la copertura di un debito che, stando a quanto citato dalla stampa locale, sarebbe poco meno di 12 mila euro.

«Rassegno le mie dimissioni perché non ci sono più le condizioni per continuare – le motivazioni di Capriccioli, riportate da Il Messaggero – ho sempre fatto il bene della società ed è sempre capitato, in questi anni, che qualche rimborso venisse pagato nei primi mesi della stagione successiva. Ripeto, è sempre successo, e tutti sono stati pagati. Abbiamo avuto un ritardo da un nostro sponsor, le difficoltà derivano da questo. La presa di posizione dei giocatori è eccessiva – ha aggiunto il presidente – e da parte loro sento soltanto critiche alla mia gestione, si segnalano solo i demeriti e non invece gli sforzi fatti. Con il rugby, giustamente, non ho mai guadagnato un euro, l’ho fatto sempre per passione: non ho nessun secondo fine. Se è maturato un debito, seppur di poche migliaia di euro, è perché ho cercato di allestire una squadra competiti- va. Ma visto che non ho garanzie di copertura economica per il futuro, lascio».

«Stiamo agendo per i valori di questo sport, vogliamo ridare dignità al movimento» hanno fatto intanto sapere i giocatori in protesta, attraverso il portavoce Alessandro Gunnella, che sta portano avanti le trattative con il vice-presiente Simone Maccadei – entrato in consiglio in estate – e con i consiglieri  Saverio Rosa, Annarita Mariantoni e Dino Giovannelli. In società però non sarebbero stati digeriti i tempi e i modi della protesta, secondo alcuni ispirata dal vice allenatore uscente Andrea Pegoretti, tant’è che il giornalista Nazareno Orlandi paventa anche la possibilità – tutt’altro che remota pare – che la squadra si ritiri dal campionato di Serie B.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

1 Commento

  • Lo facciamo per il bene del rugby,questa società a nostro avviso non agisce in nome dei valori del rugby.Vogliamo,come dice il nostro capitano storico Gunnella,ridare dignità al movimento rugbistico reatino che negli ultimi anni è stato teatro di situazioni al limite dell’inverosimile.Teniamo a precisare che tutta la squadra ha deciso di iniziare questa rivolta insieme e di comune accordo e non ci sono fomentatori di nessun tipo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi