Italia Italia Top 12

San Donà per il ruolo di outsider di lusso

Scritto da Manuel Zobbio

San Donà. È un San Donà animato dalla grande voglia di stupire quello che saluta il 2014, dopo sette giornate e un sesto posto in classifica con vista play off (distanti sette punti). Jason Wright (che in estate sembrava vicino all’addio) si conferma il grande condottiero della truppa biancoblù, portata in Eccellenza e con la quale continua un grande lavoro tecnico di prospettiva. In campo i veneti hanno legittimato le aspettative pre-stagionali, regalandosi due perle come le vittorie ottenute contro il Rovigo (in casa) e il Petrarca (a Padova, ultimo match prima della sosta). Guidati dalla saggezza di una mediana esperta (Patelli-Cornwell) e da un pack composto da leader navigati (Erasmus su tutti) il San Donà vuole continuare a togliersi grandi soddisfazioni, in scia a un 2014 certamente positivo.

I migliori.
Pino Patelli. Uno degli ultimi irriducibili ad abbandonare la barca-Prato, Patelli ha scelto San Donà come nuovo inizio. Gli oltre dieci anni di esperienza nel campionato italiano raccontano di un mediano di mischia affidabile, sicuro e concreto: una garanzia. Tanto più se saprà passare i trucchi del mestiere al giovane Marcelo Rorato.
Giacomo Bernini. Dopo l’esplosione a Prato è stato l’oggetto del desiderio di molti club e il San Donà bravo è stato ad assicurarsi una terza linea mobile e potente che garantisce al pacchetto la giusta dose di cattiveria e affidabilità.
Matt Cornwell. Basterebbe l’ultima sfida a Padova (dove ha collezionato un 5/6 dalla piazzola) per farlo salire sul podio dei migliori. L’inglese, dopo una stagione altalenante a Mogliano ha ritrovato a San Donà il ritmo dei primi tempi moglianesi, quando a suon di giocate si era meritato nuovamente la chiamata di Leicester.
Umberto Pilla. Cresciuto all’ombra di capitan Di Maggio, a 21 anni vanta già una nomination ad MPV dell’Eccellenza e il posto fisso nel XV titolare. Flanker coraggioso, benché dal fisico normale, il n.7 figura anche tra i metaman della squadra.

Evergreen. Jaco Erasmus. Carta d’identità congelata. L’ex azzurro continua a esprimersi su livelli eccellenti, confermandosi uno dei più positivi dell’intero campionato. Della sua presenza beneficiano anche i compagni di squadra, che hanno modo di lavorare accanto a uno dei giocatori più performanti degli ultimi anni. Lungimirante la scelta di ingaggiarlo.

Ma serviva proprio? Matteo Falsaperla. Arrivato da L’Aquila per non giocare nemmeno un minuto in campionato, il 24enne romano, una volta ripreso dall’infortunio che ne ha condizionato buona parte della stagione, soffrirà la concorrenza dei talenti di casa, togliendo per di più spazio a qualche giovanissimo non ancora impiegato, come l’ex accademico Matteo Miotto.

Il flop? Marco Coletti. Per lui si trattava del ritorno a casa, dopo una carriera vissuta tra alcuni dei top club italiani e un’esperienza in Francia, al Pau nella stagione 2006/07. In riva al Piave però finora non ha lasciato il segno, chiuso per di più dagli ottimi Filippetto e Pesce.

Giovani stelle crescono. Il vivaio del San Donà si conferma ancora una volta uno dei migliori di tutto il Veneto, capace di lanciare ogni anno giocatori in grado di rendersi subito protagonisti in campionato. Molti i nomi da segnarsi sul taccuino, tra questi brillano due ventenni: il centro Samuel Seno, una conferma, e Balasz Barbieri, titolare all’ala in più occasioni – tra queste il successo su Rovigo – dopo l’anno di maturazione trascorso con la Serie C.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi