Galles Guinness PRO14

Scott Johnson lascia Ospreylla per la Scozia

Scritto da Manuel Zobbio

Il director of coaching degli Ospreys, Scott Johnson ha confermato che lascerà la regione alla fine della stagione. L’ex skills coach del Galles, già assistan coach dell’Australia ed head coach degli USA, ricopre il ruolo dall’aprile 2009 ed ha informato la dirigenza in occasione del derby con gli Scarlets. Come rivelato dalla Scottish Rugby Union, alla ricerca di un tecnico esperto, l’australiano diventerà il vice di Andy Robinson sulla panchina della Scozia, già a partire dal Tour di giugno in Australia, Fiji e Samoa.

«Essendomi inizialmente legato agli Ospreys per tre anni, ho preso tutto il tempo necessario per considerare i piani sul mio futuro – ha spiegato Johnson – ed ho informato i dirigenti che mentre intendo rispettare la parte restante del mio contratto, non penso di rinnovare al termine della stagione. Quando sono entrato a far parte della regione ho avuto il compito di aiutare a mettere a punto un sistema che permettesse di crescere i talenti di casa, allenatori e giocatori, una sfida in cui mi sono totalmente impegnato negli ultimi tre anni. Sento che ora sia giunto il momento di dedicarmi ad altre sfide, ma resto impegnato al 100% con gli Ospreys da ora alla fine della stagione».

Nel corso della prima stagione con gli Ospreys (campionato 2009/10), la regione gallese ha raggiunto i quarti di finale della Heineken Cup, vincendo la prima finale nella storia della Magners League. Nella stagione successiva gli Ospreys sono arrivati in semifinale e sono tuttora in corsa per potersi ripetere quest’anno. «E’ spiacevole per noi perdere Scott al termine della stagione – ha così commentato Andrew Hore, Chief Operations Officer at the Ospreys – «ma capiamo il fatto che lui senta che sia venuto il momento per dedicarsi ad altre sfide, essendosi dedicato al massimo alla nostra causa nel corso degli ultimi tre anni. Nel 2008 abbiamo iniziato un processo che avrebbe portato gli Ospreys a diventare un’organizzazione di primo piano a livello mondiale per la formazione di giocatori e allenatori, con l’arrivo di Scott un anno più tardi, lui ha contribuito alla realizzazione di questo programma di sviluppo. Tuttavia ora siamo alla fine della seconda fase, ma il processo continua».

«Come regione abbiamo goduto dei successi raggiunti durante il periodo che lui ha passato con noi, ma la sua più grande influenza si è sentita fuori dal campo, dove ha avuto un ruolo fondamentale nella realizzazione di queste nuove strutture per la formazione di giocatori e tecnici, oltre ad impegnarsi per ridurre i costi a lungo termine. Il suo lavoro aiuterà a garantire la sostenibilità a lungo termine per gli Ospreys. Sarà rimpianto da tutti agli Ospreys quando se ne andrà, ma informandoci delle sue intenzioni con grande anticipo, ci permette di pianificare al meglio il futuro, valutando le opzioni disponibili».

Roger Blyth, Ospreys Managing Director, ha quindi aggiunto: «Scott è un pensatore innovativo, che ha lavorato alacremente per la causa fin dal suo arrivo agli Ospreys. Ha portato l’argenteria al Liberty Stadium e speriamo che possa succedere ancora nel corso di questa stagione, ma il vero valore che lascerà sono i sistemi e le strutture che ha aiutato a costruire, che ci permetteranno di aprire la strada nel Galles. Lo ringraziamo per i suoi sforzi, lavorando a stretto contatto con Andrew Hore. Ora c’è una strada chiara per i giovani allenatori e per i giocatori da seguire all’interno di Ospreylia che da a loro tutte le opportunità per raggiungere il loro massimo potenziale. Il lavoro che ha messo in piedi negli ultimi tre anni assicurerà il fatto che gli Ospreys vengano riconosciuti come un centro di eccellenza in termini di formazione. Nel fare ciò, questo ci permetterà di continuare a competere ai massimi livelli, nonostante le continue pressioni dal punto di vista finanziario con cui dobbiamo confrontarci sia a livello locale, che al di fuori del Galles. Gli auguriamo dunque le migliori fortune per il suo futuro».

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi