PiazzaRugby

Serie A, Aspeling-show e sua eccellenza Ursache risollevano le sorti del Torino

Scritto da Manuel Zobbio

Karlo AspelingRischiano di costare cari due errori al CUS Ad Maiora Rugby 1951, che però alla fine porta meritatamente a casa il successo nel derby. Allo Stadio Carlini il successo per 30-21 vede il Torino uscire da un periodo di crisi di risultati, in cui la squadra di Bester ha spesso incantato per il bel gioco, ma solo sfiorato il successo. Vittoria che questa volta è arrivata e porta ancora una volta la firma del n.8 Sergiu Ursache, sempre più leader del pack piemontese, e di Karlo Aspeling che torna ad incantare, dimostrandosi attaccante delle qualità innate.

La cronaca: Coach Andre Bester cambia otto quindicesimi rispetto alla squadra schierata a Reggio. Rientra Aspeling, spostato a estremo, e con lui rifanno capolino da titolari Murgia all’ala e Carbone in terza linea. Esordio stagionale nel XV iniziale per Musso, mediano di mischia al posto di Jaluf. Merlino va in seconda linea con Sebastiano Lo Greco e in prima Modonutto, Martina e Nicita, anche lui alla prima dell’anno da titolare, rilevano Montaldo, Lo Faro e Racca.
In campo dunque Aspeling, Murgia (st Carlalberto Lo Greco), Civita, Marco Monfrino, Perju, Edward Reeves, Musso (st Jaluf), Ursache, Carbone, Maso (st Malvagna), Merlino, Lo Greco, Nicita (st Mattia Racca), Martina (st Lo Faro), Modonutto (pt Montaldo). In panchina Pellegrini e Valenti. Il CUS Genova si affida a Sandri, Bedocchi (pt Gregorio), Castle, Alberghini (st Dapino), Serpico, Cipriani, Garaventa (st Cadeddu), Bertirotti, Barry, Maccari (st Imperiale), Fisiihai, Dell’Anno (st Del Terra), Avignone, Pallaro, Cattaneo (pt D’amico, st Riccobono). A disposizione Casaleggio.
Aspeling dimostra subito di essere di nuovo in buona forma e al 2′ piazza fra i pali, portando in vantaggio gli ospiti (0-3). L’Ad Maiora pressa i locali nei loro 22 metri e all’11’, su un’azione insistita, Ursache penetra a modo suo in meta e Aspeling trasforma per lo 0-10. Il CUS Genova reagisce e dopo 20′ mette la testa fuori. Il centro australiano Castle lo porta in prossimità della linea e Avignone finalizza in meta. Ci mette il piede anche Cipriani, per la trasformazione del 7-10. I padroni di casa sfruttano poi un “buco” per l’ovale perso da Martina e al 27′ vanno a realizzare con Castle e a trasformare con Cipriani (14-10). Con i genovesi in 14, per il giallo a capitan Pallaro, i biancoblù al 40′ si riportano avanti con una maul e palla schiacciata da Montaldo, con il piede di Aspeling ancora mirabile protagonista della trasformazione (14-17). Si va al riposo così, con i torinesi che esibiscono un maggior possesso palla, purtroppo non sfruttato a dovere al cospetto di avversari che invece si dimostrano più efficaci a capitalizzare le poche occasioni avute.
Scatta la ripresa e Aspeling al 1′ dà spettacolo dalla piazzola, inquadrando i pali da 45 metri (14-20). Neanche il tempo di esultare che al 4′ un errore di controllo di Murgia propizia la meta di Dell’Anno, trasformata da Cipriani (21-20). Impazzano le sostituzioni e al 16′ Lo Faro viene ammonito. Al 22′ la stessa sorte tocca al locale Imperiale. Aspeling al 27′ da distanza siderale effettua il sorpasso (21-23). Poi ci pensa la mischia a fare la differenza e a costringere i rivali a falli ripetuti. Logica conseguenza la meta tecnica al 35′ che, trasformata da Aspeling, mette al sicuro i subalpini dalle brutte sorprese (21-30). Peccato per il mancato bonus, ma i quattro punti conquistati alimentano la speranza di rimonta in classifica, in vista dell’immediata rivincita con i genovesi della prossima domenica all’Albonico.

Serie A – Girone 1 – Recupero del 12 ottobre 2014
Cus Genova v Cus Torino,  21 – 30  (0-4)
Classifica: Lyons Piacenza punti 24; Rugby Reggio punti 18; Pro Recco punti 16; Cus Torino punti 11;  Cus Genova punti 8; Piacenza punti 5.
CUS GENOVA – CUS TORINO 21-30 (14-17)
 
Cus Genova: Sandri; Bedocchi (40 Gregorio); Castle; Alberghini (50 Dapino); Serpico; Cipriani; Garaventa (77 Cadeddu); Bertirotti; Barry; Maccari (55 Imperiale); Fisiihai; Dell’Anno (54 Del Terra); Avignone; Pallaro; Cattaneo (40 D’amico) (75 Riccobono). N.U. Casaleggio All. Akurangi
Cus Torino: Aspeling; Murgia (Lo Greco); Civita; Monfrino; Perju; Reeves; Musso (Jaluf); Ursache; Carbone; Maso; Merlino; Lo Greco; Nicita (Racca); Martina (Lo Faro); Modonutto (Montaldo). N.U. Malvagna; Pellegrini; Valenti. All. Bester
Marcatori: 2′ cp Aspeling (T), 11′ mt Ursache tr Aspeling (T), 19′ mt Avignone tr Cipriani (G), 27′ mt Castle tr Cipriani (G), 40′ mt Montaldo tr Aspeling (T), 41′ cp Aspeling (T), 44′ mt Dell’Anno tr Cipriani (G), 67′ cp Aspeling (T) 75′ mt tecnica TO tr Aspeling (T)
Arbitro. Bolzonella.
Note:  Giallo: 33′ Pallaro (G); 56′ Lo Faro (T); 62′ Imperiale (G)
Spettatori 500 circa

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi