PiazzaRugby

Serie A, Rapone ancora decisivo. Recco in testa alla pool promozione

Scritto da Manuel Zobbio

Mirko Rapone in meta • Pro Recco vs LyonsRientra il gigante Matteo Orlandi, dall’inizio in seconda linea, e il pack della Pro Recco si conferma ancora una volta come il più solido del campionato. Forte anche del fatto di poter contare su ragazzi in crescita, che hanno fame di affermarsi ad alto livello, ecco dunque Enrico Cafaro tener botta nel confronto tutto salernitano con Fabio Stabano e chiudere l’incontro facendo lo stesso con Tino Paoletti… 80 minuti ottimi per lui… e Mirko Rapone dimostrare ancora una volta tutta la propria potenzia e velocità, segnando una meta decisiva. Ma questa Pro Recco ha qualità anche dietro, su tutti il talento transalpino di Bast Agniel, certo, ma i liguri in casa sono pressoché imbattibili. Quando capiranno di poter fare lo stesso anche in trasferta, saranno problemi per tutti.

Non molla però Reggio, grande favorita di questo campionato, mentre l’Accademia FIR liquida con facilità un Gran Sasso rimaneggiato e fisicamente meno preparato, cogliendo l’occasione per acciuffare i Lyons al terzo posto. Lyons che perdono il primo scontro diretto…. in un girone così equilibrato, proprio i punti persi per strada saranno decisivi.
SERIE A – POOL PROMOZIONE 1: Aircom Pro Recco 9, Reggio 8, Accademia FIR 6, Lyons Piacenza 6, URPS 0, Gran Sasso 0.


AIRCOM PRO RECCO – RUGBY LYONS 16-15 (p.t 11-9)
Marcatori: p.t.: 1′ meta Cinquemani (5-0), 6′ cp Mortali (5-3), 10′ cp Mortali (5-6), 21′ cp Mortali (5-9), 25′ cp Agniel (8-9), 33′ cp Cinquemani (11-9). S.t.: 21′ cp Mortali (11-12), 28′ cp Mortali (11-15), 32′ meta Rapone (16-15).
Pro Recco: Gonzalez, D’Agostini (16′ st Neri), Tassara, Torchia, Cinquemani, Agniel, Villagra, Cacciagrano, Giorgi, Salsi, Metaliaj, Orlandi, Rapone (1′ st Tenga), Noto, Cafaro
A disposizione: Bedocchi, Torres, Maggi, Costa, Nese, Tagliavini
Allenatore: Villagra-Ceppolino
Lyons: Amadasi, Pasini, Subacchi, Mortali, Bassi, Zucconi, Colpani (9′ st Cammi), Bance, Larsen, Benelli, Fornari, Baracchi, Staibano (33′ st Paoletti), Silvestri, Singh (11′ st Ferri)
A disposizione: Bosoni, Merli, Tarantini, Gherardi, Bellassi
Allenatore: Rollestone-Baracchi
Arbitro: Bertelli
Cartellini gialli: 27′ pt Agniel (Recco), 20′ st Cafaro (Recco) e Staibano (Lyons)

L’Aircom Pro Recco Rugby riesce ancora una volta a mantenere l’imbattibilità casalinga, che ormai ha raggiunto le 29 partite consecutive (27 vittorie e 2 pareggi). I Lyons Piacenza, ormai l’avversario più tradizionale e ostico del Recco, hanno dovuto cedere per 16-15 al termine di una partita bellissima e di alto livello. Le due squadre, che si sono incontrate per la settima volta nel giro di poco più di un anno, hanno dato vita ad un incontro emozionante, combattuto ed equilibrato, nel quale entrambe hanno dimostrato di avere ottime qualità e di meritare di lottare ai vertici della serie A.

I biancocelesti hanno saputo gestire una partita difficilissima in modo estremamente intelligente e maturo, limitando i danni nelle fasi in cui predominava l’avversario e colpendo in modo efficace quando erano loro ad avere in mano il pallino del gioco. Una grande concentrazione ha permesso agli Squali di rimanere con i nervi saldi anche quando i Lyons sembravano padroni del campo ed erano in vantaggio nel punteggio. Un’eccellente prova della difesa ha fatto il resto, con i piacentini, tradizionalmente efficaci e prolifici in attacco, che non sono riusciti a marcare neanche una meta.
La Pro Recco ha saputo colpire i Lyons subito al 1’ di gioco: la prima azione della partita è stata conclusa in meta da Cinquemani. I piacentini però non pensavano certo di stare a guardare, hanno ripreso subito il gioco in mano e, con Mortali dalla piazzola, si portano fino al 9-5. Neanche gli Squali vogliono essere solo spettatori di questa bellissima partita, e si riportano in vantaggio con i calci piazzati di Agniel e di Cinquemani (in piazzola al posto del capitano biancoceleste a causa di un cartellino giallo rimediato da quest’ultimo al 27’), che chiudono il primo tempo sull’11-9.
Nel secondo tempo tra i due pack la lotta è costante e durissima e al 20’ ne fanno le spese Cafaro da una parte e Staibano dall’altra: entrambi già avvisati dall’arbitro, i due piloni finiscono a riposo per 10 minuti. Il Recco continua a giocare con grande attenzione ma ai Lyons servono punti e così i piacentini spingono con grande intensità, riuscendo a mandare ancora Mortali a calciare e a riportare i suoi in vantaggio fino al 15-11. Gli Squali riescono a rimanere più concentrati, difendono bene e vanno a caccia della marcatura che può ribaltare il risultato, che arriva al 32’ con Rapone, agile e veloce a correre fino oltre la linea nonostante la mole importante: 16-15 e ancora quasi 10 minuti da giocare. Una Pro Recco concentrata e compatta tiene sotto controllo gli attacchi dei Lyons, prova a marcare un’altra meta e controlla la partita fino al fischio dell’arbitro Bertelli, che fissa il 16-15 finale.
“Siamo contentissimi – sorride affaticato ma felice il tallonatore e vicecapitano Davide Noto – perché oggi abbiamo condotto la partita nel modo giusto, ci abbiamo messo tantissima testa e si sono visti bene i frutti del grande lavoro che stiamo facendo per aggiustare i problemi che si sono evidenziati fino ad oggi.” Gli fa eco Andrea Venturelli che, insieme a Diego Galli, segue la mischia biancoceleste: “Oggi abbiamo visto in modo chiaro i progressi che stiamo facendo nelle fasi statiche, sia dal punto di vista tecnico che mentale. Anche la difesa ha giocato un’ottima partita, con pochi falli e tanta sostanza. Dobbiamo continuare così, a lavorare e a crescere sotto tutti gli aspetti del gioco.”


REGGIO RUGBY – UNIONE RUGBY PRATO SESTO 26 – 13
Marcatori : p.t. 11’ cp. Garulli ( Reggio ) ( 3 – 0 ) , 18 ’ cp. Mancini ( URPS ) ( 3 – 3 ) , 30’ meta D’Alberto ( Reggio ) tr. Garulli ( 10 – 3 ) , 35’ meta Natali F. ( URPS ) tr. Mancini ( 10 – 10 ) ; s.t. 42 cp. Mancini ( URPS ) ( 10 – 13 ) , 48’ cp. Garulli ( Reggio ) ( 13 – 13 ) , 54’ meta Lanzano ( Reggio ) ( 18 – 13 ) , 69’ cp. Garulli ( Reggio ) ( 21 – 13 ) , 74’ meta Mannato ( Reggio ) ( 26 – 13
Reggio Rugby : D’Alberto , Grassi, Daupi , Carbone , Garulli ; Fontanesi , Cazenave ; Mannato , Vaki , Bergonzini ( 63’ Maccagnani ) ; Mandelli ( cap. ) , Dell’Acqua ; Fiume ( 46’ Rizzelli ) , Gatti ( 57’ Goti ) , Lanzano ( 57’ Tognolli )
a disposizione : Goti , Tognolli , Rizzelli , Poli , Maccagnani , Bricoli , Masini , Mora
Allenatore : Roberto Mandelli
URPS : Della Ratta ( 72’ Wakarua ) , Torri ( 28’ Wakarua , 49’ Martelli ) , Mancini , Natali F. ( cap. ) , Randelli ; Nannini L. , Noviro T. ( 28’ Noviro L. , 49’ Natali M. ) ; Basso , Calamai , Mallardi ; Parri , Gianassi ( 56’ Boscolo ) ; Sonzogni ( 49’ Nannini F. ) , Russo ( 27’ Malpezzi ) , Palmiotto ( 27 ’ Bessi , 65’ Palmiotto )
Allenatore : Luis Maria Otano
Arbitro : Nobile ( Frosinone )
G.d.l : Gulino ( Modena ) , Mariotti ( Ferrara )
Cartellini : st. 41 ‘ cartellino giallo a Vaki ( Reggio ) , 68’ cartellino giallo a Palmiotto ( URPS )
Calciatori : Garulli ( Reggio ) tr. 1 / 3 , cp. 3 / 3 , Mancini ( URPS ) tr. 1 / 1 , cp. 2 / 2
Note: giornata fredda ma soleggiata , terreno in buone condizioni , spettatori 500 circa
Punti conquistati in classifica: Rugby Reggio 4 , URPS 0

Seconda vittoria consecutiva per il Rugby Reggio che nella sua fortezza della Canalina batte l’Unione Rugby Prato Sesto per 26-13. L’avvio di gara è di grinta e si gioca tutto nella metà campo di Prato Sesto. I primi punti arrivano all’11’ con calcio piazzato realizzato da Garulli (3-0) che segna dai 30 metri con la solita precisione, ma Prato Sesto non ci sta e al 18’ risponde con calcio piazzato di Mancini. Al 30’ la sonnolenza è spazzata via definitivamente dalla meta di D’Alberto che conclude un’azione in velocità con Carbone e Daupi in appoggio. Garulli realizza poi portando la gara sul 10-3. Il botta e risposta prosegue e Prato Sesto reagisce subito spostando il gioco nella metà campo rossonera fino a quel momento raramente calpestata: tanto basta però a mandare in meta Natali al 35’ con successiva trasformazione che riporta la gara in parità: 10-10. Così si chiude il primo tempo, con la voglia di innestare una marcia diversa. La ripresa è in sofferenza con il calcio piazzato messo a segno da Mancini dopo il cartellino giallo assegnato ai danni di Vaki, ma Garulli riporta di nuovo in parità l’incontro con calcio piazzato al 48’. Il pubblico rumoreggia, vuole una reazione decisa e i Diavoli non fanno attendere molto Ragastass e colleghi: al 54’ Lanzano schiaccia la palla in meta realizzando a pieno una lunga azione di mischia e grinta. Altri tre punti piovono poi al 69’ con Garulli in calcio piazzato mentre chiudere in bellezza è la meta di mischia schiacciata da Mannato che al 75’ regala il 26-13 finale.


GRAN SASSO V ACCADEMIA FIR, 0 – 42
Marcatori: 5’ meta Raffaele tr Azzolini (Accademia FIR); 11’ meta Lombardo tr Azzolini; 42’ meta Ciju tr Azzolini; secondo tempo 17’ meta Mantelli tr Azzolini; 24’ meta Lombardo tr Azzolini; 39’ meta Angelini tr Azzolini.
Gran Sasso Rugby: Pallotta (16’ secondo tempo st Caione), Pelliccione (23’ secondo tempo st Di Gregorio), Guardiano, Giampietri Cap., Mistichelli, Lorenzetti, Brandizzi, Pattuglia (16’ secondo tempo st Giammaria), Parisse, De Rubeis, Mancini, Tremante, Guerriero, Mannucci, Rossi. A disposizione: Cacchione, Mandolini, Cecchetti, Giammaria, Di Gregorio, Santavicca, Caione.
Accademia F.I.R.: Minozzi (12’ secondo tempo st Mantelli), Ciju, Angelini, Gabbianelli, Lombardo, Azzolini, Raffaele Cap. (12’ secondo tempo st Ferrari), Ciotoli, Fragnito, Cisse, Zanetti (12’ secondo tempo st Krumov), Ortis, Rossetto (12’ secondo tempo st Florio), Barbuscia, Dallavalle. A disposizione: Barducci, Florio, Casini, Krumov, Bergamin, Ferrari, Via, Mantelli.
Arbitro: Damasco
Cartellini: cartellino giallo Pattuglia (Gran Sasso); cartellino giallo Giampietri (Gran Sasso).
Punti conquistati in classifica: Gran Sasso Rugby 0; Accademia FIR 5.
Note: giornata fredda, terreno buone condizioni. Spettatori 300 circa.

La prima meta degli avversari arriva al 5’ di gioco dall’aquilano Riccardo Raffaele, capitano dei federali. Dopo pochi minuti è Lombardo a segnare la seconda meta per l’Accademia. I grigiorossi rispondono con grinta e al 28’ Marco Mistichelli corre verso la meta che purtroppo sfuma per un soffio. E’ poi Ciju della Federazione a segnare la terza meta al 42’. Il primo tempo finisce 0-21 per gli ospiti che nel corso del secondo tempo segnano altre tre mete, l’ultima ad opera dell’aquilano Marcello Angelini, ex Polisportiva L’Aquila. La partita finisce 0-42 e la Gran Sasso rimane ferma a 0 punti in classifica.

“In campo si è vista la differenza tra una squadra che si allena tutti i giorni e la nostra squadra che non ha la stessa possibilità – ha affermato la Presidente della Gran Sasso Rugby Loredana Micheli – Si sono sentite inoltre le assenze dei giocatori infortunati contro una squadra che vanta nella formazione numerosi giocatori nella rosa della nazionale Under 20. Questa seconda fase del campionato serve comunque ai giovani della Gran Sasso per maturare la giusta esperienza necessaria ad affrontare il prossimo campionato.”

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi