PiazzaRugby

Serie A, Udine mette paura al Valsu. Colorno sempre in testa

Scritto da Manuel Zobbio

Udine vs Valsugana • Stefano Amura all'esordio e Kenny CopettiVittorie con brivido per Colorno e Valsugana, che continuano a guidare la classifica nella Pool Promozione 2, mentre il CUS Verona si candida a terza forza del campionato, dopo aver vinto bene col Tarvisium, forza che aveva chiuso in testa il proprio girone di qualificazione.

SERIE A – POOL PROMOZIONE 2: Colorno 9, Valsugana Padova 8, F$M CUS Verona 6, Volteco Tarviusium 5, Brescia 1, Udine 1


FRANKLIN&MARSHALL CUS VERONA – RUGGERS TARVISIUM, 32 – 21

Marcatori: PT: 6’ meta di mischia F&M (R. Neethling) tr. Del Bubba 7-0; 19’ meta di mischia F&M (Liboni) 12-0; 30’ meta tecnica Tarvisium tr Pavin 12-7; 38’ meta di mischia F&M 17-7; 40’ meta Franzin 17-12. ST: 4’ drop Pavin N 17-15; 10 cp Pavin N 17-18; 20’ meta Combe 22-18; 29’ cp Pavin 22-21; 36’ meta Leso, 27-21, 39’ meta di mischia F&M (R. Neethling) 32-21.
Franklin & Marshall Verona: Mariani, Tampelin (1’ st Lorenzetto), Corso, Neethling M, Del Bubba (22’ st Sandroni), Combe, Leso, Paghera (14’ st Olivieri), Pauletti, Bergamin, Braghi (34’ D’Antuono), Liboni (1’ st Mazzi), Michelini A (12’ st Munteanu), Neethling R, D’Agostino (29’ st Girelli). A disposizione: Pasinato, D’Antuono. All.: Zanichelli.
Tarvisium: Stodart, Ceccato, Furlan, Sartoretto, Pavin T, Pavin N, Gobbo, Caminati, Martin (39’pt Piovesan), Franzin, Amadio, Pavanello, Salandria, Zottin, Buso (30 st Magnoler). A disposizione: Vergani, Fagotto, Simionato, Longo, Luciani, De Paola. All.: Favaro.
Arbitro: Vivarini, Favero e Bellinato.
Note: gialli: Tampelin (F&M), Leso (F&M), Braghi (F&M), Pavin T, Sartoretto (TV). Calci: Del Bubba: 1/4 tr; 0/1 cp; Combe 0/2 tr.; Pavin N: 1/3 cp, 1/2 tr. Punti in classifica: F&M Verona 5, Tarvisium 0.

Prima vittoria, e primi cinque punti nella poule promozione, per la Franklin & Marshall. Un risultato voluto e conquistato con grande tenacia, contro un avversario dotato di grande velocità e temibilissimo in fase di attacco. La partita comincia in salita, con i verdeblù in inferiorità numerica per tre gialli in successione, che però riescono a dominare la gara grazie a una mischia che ha saputo dare il meglio di sè, conquistando le prime due mete e sbloccando la gara. Il Tarvisium però rimane sempre in scia, contrattaccando e mettendo in difficoltà la difesa verdeblù, che patisce un po’ la mancanza di uomini e, nonostante riesca a tenere in mano le redini dell’incontro, fatica a chiudere del tutto il risultato, lasciando che una meta di Franzin sullo scadere riapra i giochi.

Nei primi minuti del secondo tempo, il Tarvisium si fa sentire, prima con un drop e poi con un piazzato di Pavin, che porta i suoi in vantaggio di un punto. Vantaggio che però dura poco, fino alla meta del neo acquisto scozzese Ross Combe, che si inventa una splendida meta andando a sfidare da solo la difesa trevigiana e seminando gli avversari. Il Tarvisium però replica con un’altra segnatura, e la partita rimane in bilico fino a quando Leso, grazie a uno splendido lavoro con Corso e Combe, va in meta sulla fascia, riportando i verdeblù a distanza di sicurezza e ridando energie alla squadra, che negli ultimissimi minuti di gioco trova l’ultima, definitiva meta, sempre propiziata da una rolling maul.


RUGBY UDINE 1928 – VALSUGANA RUGBY PADOVA 18 – 20

Marcatori: 17′ cp Favaretto, 39′ mt Tecnica Valsugana tr Favaretto, 42′ cp Barella, 53′ mt Robuschi, 60′ cp Favaretto, 62′ mt Flynn tr Robuschi, 69′ mt Grigolon tr Favaretto,
Udine: Lentini, D’Anna, Flynn, Marconato, Rigutti, Robuschi (67′ Lo Schiavo), Barella, Signore, Di Pietro, Montorfano, Bagolin (61′ Amura), Macor, Balistreri, Corbanese, Wachsmann (61′ Copetti).A disposizione: Giallongo, Lo Schiavo, Conti, Dri, Amura, Copetti, Mezzavilla, Monterisi.
All. Fedrigo, Teghini
Valsugana: Mamprin, Ferro (67′ Bottone), Calderan, Dell’Antonio (73′ Memo), Betteto M., Favaretto, Parisotto, Grigolon, Ghiraldini, Ramirez (60′ Rizzo), Scapin (71′ Caroli), Girardi, Tomascu, Pivetta, Mazzini (51′ Varise)
A disposizione: Varise, Paparone A., Baldo, Caroli, Rizzo, Dalle Fratte, Memo, Bottone.
All. Battistin, Zanato Arbitro: Russo
Guardalinee: Pretoriani, Salafia
Ammoniti: 38′ Montorfano, 44′ Ramirez, 49′ Macor, 75′ Betteto,
Calci: Favaretto 4/6 (10 punti) (cp 2/4, tr 2/2, dr 0/0), Barella 1/2 (3 punti) (cp 1/1, tr 0/1, dr 0/0), Robuschi 1/1 (2 punti) (cp 0/0, tr 1/1, dr 0/0)
Punti conquistati in classifica: Rugby Udine 1928 – Valsugana Rugby Padova 1 – 4

Amara sconfitta al Gerli dei tutti neri di Fedrigo e Muraro che oggi però sfoggiavano la nuova maglia con main sponsor Friuladria.
Fedrigo deve rinunciare a Giannangeli e Venier, recupera Rigutti e Lentini e schiera Robuschi apertura e Flynn a secondo centro e tiene in panchina Lo Schiavo e Conti.
La partita inizia con fasi di studio da entrambe le parti ma subito si capisce che i veneti vogliono vendicare la sconfitta subita al Gerli nell’incontro del primo girone. Udine fallosa in mischia e più volte punita dall’arbitro. Il risultato si sblocca al 25^ in seguito all’ennesimo fallo dei tutti neri e Favaretto centra i pali per il primo vantaggio patavino. Udine reagisce con poca convinzione ma continua a soffrire in mischia ordinata; al 38^ l’ennesima infrazione e il sig. Russo concede la meta tecnica che Favaretto trasforma e su questa azione si va al riposo.
Il secondo tempo inizia con Udine in attacco ed accorcia le distanze su calcio di punizione che Barella realizza. Capitan Di Pietro sprona i suoi ed al 14^ del secondo tempo va in meta in bandierina dopo una bella azione. Barella dall’angolo manca di pochissimo i pali. Udine comincia a giocare ed a mettere in difficoltà i veneti che soffrono la pressione udinese che si concretizza al 25^ con la meta di Flynn che in slalom tra la difesa biancoceleste tocca in meta, bravo Robuschi a trasformare per il sorpasso. Pare che la vittoria sia a portata di mano dei friulani che però in una azione di attacco degli avversari falsata da un velo evidente si fermano in attesa del fischio arbitrale che però non arriva; bravo Grigolon a continuare l’azione e concludere beffardamente in meta con la precisa trasformazione di Favaretto. Gli ultimi otto minuti sono tutti udinesi ma è attenta la difesa avversaria a rendere vani tutti gli sforzi dei padroni di casa a segnare. Finisce così una partita da archiviare al più presto. In settimana si esamineranno gli errori odierni per preparare con perizia l’incontro di domenica prossima con il Tarvisium.

Mattia D’Anna:”Sono molto rammaricato perché abbiamo lasciato a loro la gestione della partita e non siamo stati capaci di riprender il mano le redini del gioco se non nella seconda parte della partita. Dobbiamo capire che il livello e decisamente diverso dalla prima fase e pertanto dobbiamo scendere in campo con convinzione e determinazione. Nel primo tempo siamo stati disordinati e fallosi ed incapaci ad imporre il nostro gioco. In settimana vedremo di aggiustare quanto oggi non è andato bene e guardiamo con fiducia al prossimo incontro con il Tarvisium”


JUNIOR RUGBY BRESCIA – HBS COLORNO, 19 – 20

Marcatori: PT: 2′ Mnt Reboldi (Bs) – 7 Cp Magri ( Co) – 37 Cp Magri ( Co) – 38′ Pace Tr. Magri (Co). ST: 4′ mt Saviello Tr. Mangano (Bs) – 20′ M Boccarossa Tr. Pace (Co) – 40 Meta Tecnica Tr. Ciserchia (BS)
J.R. Brescia: Cavalleri, Secchi Villa G, Maffi, Volpari, Miranda, Squizzato, Mangano(21 St Ciserchia), Jacotti, Ferrari (27 Pt Fierro ) , Radici, Pola, Reboldi, Saviello(11 St Trevisani), Romano D (4 St Azzini) Cherubini (4 St Franzoni). All: Pisati Marco
Colorno: Magri (38 St Corso), Lauri (16 St Balocchi) , Castagnoli, Pace, Terzi, Silva (12 St Ceresini), Boccarossa, Da Lisca, Rollo, Pop(25 St Scalvi) Benchea (16 St Modoni), Contini, Tripodi (29 St Lanfredi) , Sanfelici, Goedan. All: Mordacci Michele
Arbitro: Pallandino
Note: giornata serena – temperatura 9’ – terreno ottime condizioni – spettatori 200
cartellini gialli : 9 pt Saviello (Bs) – 9 Pt Sanfelici (Co) – 13 Pt Jacotti (Bs) – 36 Pt. Cavalleri (Bs) – 32 St Goedan (Co)

L’HBS vince 19 a 20 a Brescia un match al cardiopalma. Partenza shock per i biancorossi che, ingannati da un beffardo rimbalzo dell’ovale, vedono sfilare nei propri ventidue Miranda a tutta velocità che consegna su un piatto d’argento l’assist a Reboldi il quale schiaccia in meta. 5 a 0. Dopo una pregevole rolling maul gli ospiti conquistano un calcio di punizione e Magri accorcia: 5 a 3. Partita poco accattivante, dalle fasi confuse: già al 20’ sono parecchie le mischie ordinate impostate in modo errato e a risentirne è soprattutto lo spettacolo. Goegan suona la carica, Contini ringhia nei raggruppamenti, ma i problemi in touche e i pochi spazi permettono ai locali di scacciare il Colorno dalla zona calda del campo. Cavalleri protesta al 37’, si guadagna un giallo e Magri centra i pali: 5 a 6. È l’episodio che sbocca il XV di Mordacci e Pace al 38’ vola in meta sulle ali dell’entusiasmo; Magri è ancora preciso: 5 a 13. La ripresa si apre con il Brescia all’arrembaggio e il Colorno soffre. Al 4’ Saviello capitalizza un’azione in spinta degli avanti e Mangano trasforma: 12 a 13. I bresciani potrebbero passare in vantaggio al 10’con un piazzato di Mangano, ma il mediano di mischia spreca da posizione più che favorevole. L’indisciplina punisce Jacotti col giallo al 13’e Magri, sui ventidue, manca l’allungo col piazzato. Il pacchetto biancorosso però torna a lavorare come si deve al 20’ in prossimità dell’area di meta; capitan Da Lisca si stacca da perfetta terza centro e sigla una meta importantissima, Pace centra i pali: 12 a 20. Buon momento dei padroni di casa dal 30’ al 38’ che tengono sotto pressione i parmensi con una serie di ben sette mischie ordinate sulla linea di meta. Alla fine la meta tecnica arriva, lo stadio “Invernici” esplode e Ciserchia trasforma: 19 a 20. Il cronometro segna 43’, si gioca ancora. Il Colorno conquista l’ovale, Ceresini mette in touche la partita finisce.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi