PiazzaRugby

Una buona Lazio tiene testa ai Campioni d'Italia

Scritto da Manuel Zobbio

Alessio Zdrilich ferma Padrò, ph.FamaBella prestazione di una Lazio apparsa molto motivata e in grado di restare sempre incollata al punteggio contro i campioni d’Italia del Calvisano. Il fischio finale dell’ottimo arbitro francese Chabas lascia i biancocelesti con l’amaro in bocca per un meritato punto di bonus sfuggito nei minuti finali del match. E’ infatti negli ultimi 20 minuti, a seguito anche dell’ingresso in campo di Alessio Zdrilich, talento bresciano fermato nelle ultime settimane da un fastidio muscolare, che Calvisano si è assicurato la vittoria. Tardiva la reazione, che ha portato solo ad una meta di Sepe.

Solito avvio frizzante della Lazio che al 3’ va in vantaggio con un piazzato di Durandt Gerber cui replica pochi minuti dopo Seymour per il pareggio. Partita che procede equilibrata, con leggera prevalenza territoriale dei bresciani, che vedono però vanificate tutte le loro iniziative dalla buona difesa dei biancocelesti. Prima svolta del match al 24’ con il giallo a Martinelli di cui approfitta immediatamente una squadra esperta come Calvisano. Le due mete di Steyn e Gabriele Di Giulio determinano il primo break dell’incontro con un parziale di 14 a 0 che fissa lo score sul 17 a 3 per i bresciani. Ma la reazione della Lazio è veemente e si concretizza con la bella meta del MoM Gonzalo Padrò che trascinato dal drive del pack biancoceleste ,allo scadere del primo tempo, fissa il punteggio sul 10 – 17. Ripresa che inizia con una Lazio molto determinata: al 45’ è il solito Gerber a fissare lo score sul 13 a 17 con un piazzato che porta i biancocelesti ad una incollatura dai bresciani. Partita che rimane ancora in equilibrio fino al 55’, quando le numerose sostituzioni determinano una maggiore fisicità del pacchetto del Calvisano che prende il sopravvento su quello della Lazio marcando con Belardo e Costanzo due mete che fruttano il bonus e sanciscono il definitivo gap nel punteggio tra le due squadre (13 a 27). Ma la Lazio reagisce ancora e costruisce con grande efficacia la bella meta di Fabrizio Sepe, trasformata da Gerber, che riporta sotto break (20 a 27) la squadra del presidente Biagini.Siamo al 74’ ed i biancocelesti provano a recuperare il gap con i campioni d’Italia, ma al 78’, causa un ennesimo fallo, arriva la beffa con il piazzato di Seymour che porta lo score suldefinitivo 30 a 20 per Calvisano e toglie alla Lazio la soddisfazione di un meritato punto di bonus.

IMA S.S. LAZIO RUGBY 1927 VS CAMMI CALVISANO 20 -30 (10 – 17)
Marcatori: Primo tempo: 2’ cp Gerber; 10’ cp Seymour; 26’ Steyn tr. Seymour; 36’ G. Di Giulio tr. Seymour; 42’Padrò tr. Gerber; Secondo tempo: 45’ cp Gerber; 50’ meta Belardo; 66’ Costanzo; 72’ Sepe tr Gerber
IMA S.S. Lazio Rugby 1927: Nathan; Sepe; Lo Sasso(66’ Giancarlini); Lamaro; Di Giulio; Gerber; Martinelli(68’ Bonavolontà) ; Padrò; Riccioli (Cap) (28’ Devodier) ; Filippucci; Fratalocchi (66’ Ventricelli); Damiani; Vannozzi (59’Vagnoni); Lupetti (74’ Maregotto); Pietrosanti (59’ Bolzoni). All. De Angelis
Cammi Calvisano: Rokobaro; G. Di Giulio; Bergamo; Castello (cap) (55’ Buscema); Susio (48’ Canavosio 59’ Ambrosio); Seymour; M. Violi; Steyn; Mbandà; Belardo (58’ Zdrilich); Kalou (43’ Beccaris); Cavalieri; Costanzo (66’ Biancotti); Gavazzi (72’ Scarsini) ; Scarsini (54’ E.Violi) All. Guidi
Arbitro: Chabas (FFR)
Cartellini: 24’ Giallo Martinelli (Lazio) 40’ Giallo Belardo (Calvisano) 44’ giallo Vannozzi (Lazio) Scarsini (Calvisano)
Calciatori: Gerber 5/6 Seymour 4/6
Note: spettatori circa 800, giornata soleggiata, campo in ottime condizioni
Man of the Match: Padrò (Lazio)

“Sono soddisfatto della prestazione della mia squadra – afferma coach De Angelis- ma alla fine non abbiamo ricevuto nessuna gratificazione perdendo anche il punto di bonus che avremmoampiamente meritato. Mi è piaciuta molto la nostra fase difensiva contro una squadra di grossa fisicità e di elevato spessore tecnico, poi siamo calati alla distanza diventando troppo fallosi e meno efficaci in difesa. Sono molto soddisfatto della prestazione dei nostri giovani, le loro qualità e la loro motivazione hanno permesso di tenere testa ai campioni d’Italia”.

Biografia

Manuel Zobbio

Marketing Communication Manager presso Zani Serafino, azienda storica del cookware e del design made in Italy. Un master di specializzazione del Management dell'Atleta. E' con Marco Martello il referente italiano di Digidust Sport, primaria agenzia internazionale di marketing e sport management specializzata nel rugby.
Co-Fondatore di RugbyMercato.it e anima di PiazzaRugby.it dal 2009, ha fatto parte della redazione del mensile Rugby! magazine, del settimanale lameta e di MondoRugby.com, collaborando anche con l'European Rugby Cup.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi